Germania: spari in autostrada contro Naki, il calciatore turco anti-Erdogan

Share

Deniz Naki, calciatore turco-tedesco nato a Düren e di origini curde, non ha dubbi: "E' stato un attacco organizzato da qualcuno a cui non piacciono le mie posizioni politiche - ha raccontato al giornale Die Welt - sarei potuto morire". Naki, che gioca nella squadra curda Amed SK, si è in passato espresso contro il presidente Erdogan ed è considerato da molti turchi come un nemico dello Stato.

Erano circa le ore 23 della notte tra domenica e lunedì, ha raccontato il 28enne, quando "improvvisamente ho sentito gli spari". "Ci è mancato veramente poco" ha raccontato il giocatore alla Welt on line. "Mi sono immediatamente spostato sulla corsia di emergenza e ho chiamato la polizia". "Ho sempre saputo che qualcosa del genere potesse accadermi, ma che potesse succedere in Germania non lo avevo mai immaginato" ha detto. Sulla sinistra, ha visto una station wagon nera, dalla quale provenivano i proiettili, prosegue la testimonianza, che hanno colpito il finestrino e i cerchi delle ruote.

Juventus, Dybala: infortunio muscolare alla coscia destra
Secondo quanto comunicato dal club, la lesione può essere definita di grado lieve-medio , con riserve del caso legate a precocità delle indagini effettuate.

Naki lo scorso aprile è stato condannato in Turchia a 18 mesi con la condizionale per propaganda filo-curda a favore del Pkk. Ma non ha intenzione di rinunciare all'idea di tornare in Turchia.

Share