Immigrati, Trump: ''Basta gente da posti di m...''

Share

Ginevra, 12 gen. (AdnKronos) - I commenti del presidente americano Donald Trump su alcuni Paesi da cui partono gli immigrati sono pericolosi perché incoraggiano il razzismo e la xenofobia.

Al termine di un incontro durato quattro ore, il gruppo di 54 ambasciatori ha diffuso una dichiarazione dai toni insolitamente duri, approvata all'unanimità, in cui si sono detti "estremamente scioccati e condannano le dichiarazioni scandalose, razziste e xenofobe di Donald Trump" riportate dai media, chiedendo al presidente di "ritrattare e scusarsi". E' stata una doccia fredda per i presenti.

Leonardo Di Caprio sarà il protagonista del nono film di Tarantino
Al momento le notizie riguardo al progetto sono arrivate con il contagocce, giusto per far salire ulteriormente la curiosità. La sua spalla - che è anche la sua controfigura per gli stunt - persegue lo stesso obiettivo.

La casa bianca vuole che l'Iran permetta ispezioni immediate in tutti i siti nucleari e che non faccia test missilistici, assimilati a test nucleari, pena sanzioni. Anche perché il presidente avrebbe poi rimarcato la differenza con le persone provenienti da altri Stati: gli Usa, ha aggiunto, dovrebbero attirare più immigrati da paesi come la Norvegia. Alcuni all'interno della Casa Bianca, mette in evidenza il New York Times, si sono detti frustrati dalla telefonata con Macron, che avrebbe potuto provocare Trump. "Mi dispiace, ma non c'è nessun'altra parola che si possa usare se non razzisti", ha dichiarato il portavoce dell'ufficio Onu per i diritti umani, Rupert Colville. Secondo il Guardian, la visita sarebbe invece stata annullata per il timore di proteste. "Volevano che io tagliassi il nastro-NO!". In particolare, nel ricorso si citano i commenti del presidente sul fatto che i prigionieri di Guantanamo non dovrebbero mai venire rilasciati. Il presidente degli Usa, secondo quanto riportato dal WP, si sarebbe reso protagonista di una frase infelice sugli immigrati, pronunciata nello Studio Ovale di fronte ad alcuni parlamentari. Le dichiarazioni del presidente Usa "vanno contro i valori universali che il mondo ha così duramente perseguito dopo la seconda guerra mondiale e l'olocausto".

Share