La proposta di Renzi sul salario minimo

Share

Perché in Italia abolire qualcosa non è affatto semplice, una volta chiuse le urne; prima di eliminare qualcosa bisogna infliggergli il colpo di grazia, perché altrimenti il nostro è un paese di gomma, che rigurgita ma restituisce tutto, che ammanta di nuovo il vecchio che si ripropone, in cui gattopardianamente "tutto deve cambiare affinché non cambi nulla", si pensi alle Province.

Abbassa l'asticella l'ex premier.

Lo scorso ottobre, durante la conferenza programmatica del PD, Renzi aveva detto sul salario minimo: "Non e' una proposta del Pd ma parliamone".

Qui, il segretario allarga il ventaglio delle candidature sottolineando che nel partito ci sono tanti esponenti capaci, a partire da Gentiloni che "si sta dimostrando un ottimo presidente del consiglio". Dunque, per evitare che il nostro claudicante mercato del lavoro, nell'anno delle elezioni politiche, fosse sommerso da una nuova ondata di licenziamenti di fatto (tutti i co.co.pro. non trasformati in lavoratori subordinati), ecco che il governo Gentiloni ha scelto di lasciare la questione a chi prenderà la guida del Paese tra qualche mese. Ma - aggiunge severo - il Cavaliere è uno straordinario pericolo per l'economia italiana. "Queste terre sono strategiche e ci daranno i collegi decisivi nella prossima legislatura".

Monster Hunter World: nuovi dettagli sulla terza beta
Anche qua non sarà possibile creare il proprio personaggio: questa funzione è riservata infatti alla versione finale del gioco. Tuttavia è richiesta una connessione ad internet sempre attiva, mentre l'abbonamento al Playstation Plus non è richiesto.

Per centrare l'obiettivo Renzi ha impostato una campagna elettorale sulle cose fatte fino ad oggi, "100 punti dai quali ripartire per migliorare", è la formula utilizzata.

M5S - Stoccate anche per i grillini: "Hanno incarnato una grande domanda di novità, ma ci sono contraddizioni che non si possono non vedere, come nel caso dei rifiuti di Roma: non si possono provare i 5 Stelle al governo, il Paese non è una macchina da provare in concessionaria". "Berlusconi è stato a Palazzo Chigi più di Moro, Andreotti e De Gasperi ma ha combinato molto meno di loro". I voti a Liberi e Uguali?

Agenpress - "Abolire le tasse universitarie significa promuovere la giustizia sociale: abbiamo il 26% di laureati nella fascia dei cittadini tra i 30 e i 34 anni, la media europea è del 40%". Parole più sfumate, invece, sulla controversa proposta di abolizione del canone Rai. E un primo assaggio di questa "piattaforma" si avrà nel prossimo fine settimana, fra il Lingotto di Torino e l'appuntamento di domenica a Milano, dove dovrebbe essere presente anche il ministro Carlo Calenda. "Noi stiamo valutando varie proposte, poi sceglieremo e ne porteremo una in campagna elettorale". È una proposta nuova di cui nel PD si parla da una settimana.

Share