Liberi e uguali, Grasso all'assemblea nazionale: aboliamo rette universitarie

Share

Berlusconi ne ha dette troppe in questi ultimi 25 anni, non riesco a pensare alla piu' clamorosa. Il discorso vale anche per Salvini e per i Cinque stelle. "Noi siamo l'unica alternativa credibile".

Pietro Grasso durante il suo intervento all'assemblea programmatica nazionale di Liberi e Uguali ha proposto di abolire le tasse universitarie. "Non candideremo nelle liste estere alcun candidato residente in Italia".

"Con un investimento straordinario quinquennale che permetta di superare il numero chiuso, di estendere la 'no tax area' integrale fino alle famiglie con 30mila euro di reddito, che introduca livelli essenziali per diritto allo studio e welfare studentesco uguali in tutte le regioni, con il reclutamento di 10mila nuovi ricercatori, con un piano speciale per l'edilizia universitaria, con risorse continuative per la ricerca in linea con il bando di 400milioni per i Prin appena varato". "La priorità si chiama lavoro: servono investimenti per dare lavoro e ridurre la giungla dei contratti precari". La misura, ha spiegato Grasso, costa 1,6 miliardi: "È un decimo dei 16 miliardi che ci costa lo spreco di sussidi dannosi all'ambiente, secondo i dati del ministero dell'ambiente". "Si tratterà di prendere contatti con la base, che si dovrà esprimere com'è nostro costume, e poi con Zingaretti".

60enne muore dopo lite per un parcheggio: colpito da malore
Ad accertare che quella ferita alla testa non è stata provocata da alcun colpo, né da percosse, è stata l'autopsia. Trovato a terra con una ferita al capo: da chiarire se sia stato colpito o abbia sbattuto a terra con la testa .

"Per i molti non per i pochi". Liberi e Uguali nei giorni 8 e 9 gennaio organizza inoltre assemblee aperte ai cittadini per la selezione delle candidature al Parlamento nazionale per le elezioni politiche del 2018. Per i molti, non per i pochi, è una citazione mutuata dallo slogan 'For the many, not the few', scelto da Jeremy Corbyn, il leader radicale laburista inglese.

Nell'occasione saranno presentate le proposte programmatiche al centro della campagna elettorale, che verranno sottoposte ai territori e votate dai 1500 delegati dell'assemblea nazionale. Vogliamo riempire il vuoto. "Vogliamo restituire speranza e fiducia a tutte le persone deluse da una sinistra che ha smesso di essere sinistra, si è persa per strada" dice Boldrini dal palco, evidenziando la "grande responsabilità di chi ha deluso le persone, ha tradito le loro aspettative" e le "ha spinte nelle braccia del populismo". "Non basta. Faremmo anche un torto agli italiani, che sanno fare la differenza tra chi insulta e chi invece vuole migliorare il Paese".

"Siamo aperti e inclusivi a chi la pensa come noi". "Ha avuto la meglio una sconcertante subalternità culturale e politica per cui bisognava far prevalere quello che la destra diceva".

Share