Michele Santoro: "Abolire il canone Rai? Un'idea allucinante"

Share

La scelta di invitare Carlotta Chiaraluce, giovane militante di CasaPound e catalizzatore di preferenze durante le elezioni amministrative a Ostia, alla nuova trasmissione di Michele Santoro "M" ha sollevato polemiche sia prima che dopo la puntata andata in onda ieri su Raitre. E Orfeo ha annunciato che c'è un progetto "per andare avanti in un nuovo percorso Rai-Santoro di cui sono particolarmente orgoglioso". Siamo arrivati a considerare che Berlusconi potrebbe essere il male minore, come ha fatto Eugenio Scalfari. Ormai siamo al kamasutra delle trasmissioni politiche. "D'accordo con il direttore, oggi ho scritto che siamo disposti a dare pari spazio ad ognuno su questo tema, riducendo altri segmenti della trasmissione". La cosa non è andata giù a molti esponenti di spicco di CasaPound così come agli utenti dei social vicini agli ambienti di estrema destra, che hanno parlato di una sorta di complotto messo in piedi da Michele Santoro contro il movimento della tartaruga e contro la loro rappresentante. "Ho deciso di non fare nessun monologo". Cosa aspettarsi da "M"? Poi chi farà il premier lo deciderà il presidente della Repubblica, si discuterà in Parlamento, ma il Pd ha una squadra di governo molto forte, nessuno può avere una squadra minimamente comparabile. I "signori M", raccontati nel programma, sono tutti quei personaggi della storia recente o remota che appartengono tuttavia al presente perché, entrati nell'immaginario collettivo, sono diventati argomento di una discussione senza fine che coinvolge chiunque, anche chi non ha particolari conoscenze storiche ma che davanti a certi nomi non resta indifferente e si pone delle domande. "E' sempre importante in una televisione poter godere di un contesto e quella Rai3 di Guglielmi fu uno straordinario 'laboratorio'", ha aggiunto Santoro, sottolineando che "questo ritorno a casa dovrebbe avere il conforto di essere il tentativo di uscire dallo schema secondo cui se tradisco il pubblico che c'è allora è un problema, se invece non tradisco il pubblico che c'è allora non farò mai nulla di nuovo.". Siamo stati noi a chiedergli di fare anche delle puntate di attualita' e di farle con una serialita' settimanale e non come evento mensile.

Coppa Italia: il Napoli è fuori, passa l'Atalanta
Un limite quello dell'allenatore del Napoli , incapace di gestire al meglio la rosa, che si sta ripercuotendo sulla squadra. Ridurrei le partite delle nazionali, evitando le 4 pause i campionati possono finire a fine aprile.

L'appuntamento con la prima puntata di M, il programma di Michele Santoro, è per questa sera, 11 gennaio 2018, alle 21.15 circa su Rai3. "Ma avevamo budget sufficiente per sole quattro puntate".

Share