Milan, Gattuso indica la via: "Farò di tutto, servono i risultati…"

Share

Più delle vittorie, Gattuso ricorda le sconfitte (leggi anche: GATTUSO: "RICORDO TUTTE LE SCONFITTE"), col Milan però in passato ha vinto sia grazie a Carlo Ancelotti che a Massimiliano Allegri: "Ancelotti per me non è stato solo un allenatore, ma un papà, un fratello ed un amico: ci siamo sempre appoggiati ed ancora oggi abbiamo un rapporto incredibile. Sono l'ultimo problema. E' normale che mi piacerebbe continuare, mi sento a casa mia, con ancora più responsabilità nei confronti del club rispetto a quando giocavo".

Magma sotto l'Appennino tra il Sannio e il Matese: "Rischio sismico elevato"
Ma la sorgente di magma "provoca la fuoriuscita di anidride carbonica di origine profonda e può causare terremoti ". Se dovesse continuare, tra migliaia di anni potrebbe formarsi una struttura vulcanica .

Sulla stretta attualità, invece: "Sto gestendo i giocatori in maniera da dare una chance a tutti, serve dargli minutaggio. Cutrone? È acerbo ma assomiglia a Pippo, ha le sue stesse movenze e il suo stesso veleno". I primi 40 anni sono davvero volati: i prossimi saranno ugualmente emozionanti? Vorrei essere meno focoso, meno incazzoso, più calmo: sembra che mi diverta ma faccio fatica. Nato il 9 gennaio 1978 a Corigliano Calabro, mister Gattuso sa già qual è il desiderio più grande da chiedere per celebrare al meglio il suo compleanno. Decisione mia. Adriano Galliani mi ha chiamato per un mese mettendo la canzone "Se mi lasci non vale", ma pensavo che fosse finita un'epoca. E lo fa in un modo speciale. Intanto, è arrivato un cadeau dalla squadra, con i tre punti - faticati - contro il Crotone: "La squadra mi ha fatto un bel regalo ma la strada è ancora lunga, ora si godano questa settimana di riposo: è un gruppo che lavora bene e mi dà tanto, speriamo non perdano questa caratteristica". Sotto il profilo finanziario non si prevedono grossi investimenti per il calciomercato Milan invernale, ma gli obiettivi non mancano: piace Jakub Jankto dell'Udinese, con cui ci sono in ballo anche i discorsi legati a Gustavo Gomez e Locatelli. Sono in una grandissima società. Può succedere anche che fra tre anni mi scoccio e non alleno più. Corsi e ricorsi. In una intervista rilasciata a Mediaset Premium Sport Gattuso ha fatto un check della sua vita da calciatore prima e da allenatore poi.

Share