Mirabelli: "Montella era d'accordo sul mercato. 160 milioni spesi? Il Barça…"

Share

Fassone e Mirabelli hanno già affermato più volte che gli acquisti estivi non sono sul mercato, ma qualora il Milan dovesse fallire tutti gli obiettivi stagionali, difficilmente la dirigenza riuscirà a trattenere tutti i "pezzi da novanta" rossoneri, anche a causa delle stringenti norme finanziarie imposte dall'Uefa.

Tre le partite che il dirigente calabrese visionerà nei prossimi giorni: Bayer Leverkusen-Bayern Monaco, Lipsia-Schalke 04 e Colonia-Borussia M'gladbach, con tre diversi profili da osservare con grande attenzione come Julian Brandt del Leverkusen, Max Meyer dello Schalke 04 e Dayot Upamecano, classe 1998 del Lipsia. Noi saremmo felicissimi se finisse la carriera qui. "E' un'informazione ufficiale" ha detto il direttore sportivo, che ha poi aggiunto che il Milan ha in casa le soluzioni per sopperire al difficile girone di andata. In uscita qualche movimento ci potrebbe essere, ma cose piccole.

"Non mi sembrano cifre eccessive - le parole di Massimiliano Mirabelli alla Gazzetta dello Sport -". Non abbiamo strapagato nessuno e vi dirò di più: se, in pura teoria, domani mettessimo qualcuno dei nuovi sul mercato, andremmo a guadagnarci.

Il #Milan sta portando avanti piuttosto serenamente il mercato invernale [VIDEO], ricordando a più riprese che non verranno effettuate grosse operazioni in entrata. Pentimenti? No, li ritengo tutti giocatori validi, che formano un gruppo solido e ci danno tranquillità per il futuro. Dalle vendite abbiamo incassato una buona cifra e poi basta passare in rassegna chi ha rinnovato il contratto: Donnarumma, Suso, Cutrone, Calabria, Plizzari. "Sono lo zoccolo duro del Milan e nonostante molti di loro non stiano rendendo in base alle aspettative, a livello patrimoniale non esiste alcun flop".

Sfregiati 'Bacco e Arianna' a Pompei
Il 2017 si era chiuso con la scoperta di danni a uno degli edifici ancora chiusi e in un'area interessata al restauro con i fondi del Grande Progetto Pompei .

Il Milan è preoccupato dalle sanzioni che l'UEFA impartirà per il settlement agreement?

Il direttore sportivo rossonero non è preoccupato neppure dalle voci negative che circolano attorno a Yonghong Li: "Per nulla".

Mirabelli spiega che il calciomercato estivo è stato fatto in piena condivisione con Vincenzo Montella, allenatore poi esonerato per mancanza di risultati e ripartito dal Siviglia: "Abbiamo condiviso tutto, a partire da una campagna acquisti così aggressiva, tant'è vero che ho conservato i messaggi entusiasti che mi mandava, per esempio, durante la trattativa Bonucci. Se avesse funzionato come avrebbe dovuto, il Milan sarebbe in Champions e lui al suo posto". "Per nulla. A me non sposta niente: i soldi arrivano regolarmente e poi c'è David Han Li, molto presente e grande intenditore di calcio". Rino è stato scelto: punto. In estate è stato un mercato importante ma non ne ho nostalgia, per tutto c'è un tempo. Occorreva passare attraverso il lavoro sodo per migliorare, con l'aggravante che era già dicembre.

Share