Ndrangheta, Luberto: a Cirò Marina entrambi i candidati sindaci erano della cosca

Share

"È la più grande operazione compiuta negli ultimi venti anni e non nasce a caso".

"Prima che io mi insediassi - ha detto Gratteri - sono andato a trovare il Generale, Del Sette che oggi ci onora della sua presenza. E lui da subito ha mandato giù i suoi migliori uomini".

Luberto ha quindi parlato di "mutazione genetica della ndrangheta". Nella lista dei 169 indagati diffusa dagli investigatori, fra i destinatari di ordinanza di custodia in carcere ci sono Aldo Marincola, 33 anni, nato in Germania e residente a Parma; Fabio Potenza, 30, nato a Cirò Marina (Crotone) e residente a Parma; Francesco Bonesse, 47, nato a Melissa (Crotone) e residente a Reggio Emilia; Franco Gigliotti, 49, nato a Crucoli (Crotone) residente a Parma e domiciliato a Montechiarugolo (Parma).

Monchi "Nainggolan? Proseguirà con noi"
Tiriamo in porta quanto il Napoli ed abbiamo predominio territoriale, ma siamo carenti nei gol segnati. Tutti possiamo fare meglio, io per primo.

L'assetto del sodalizio era espressione delle direttive impartite dal citato Farao Giuseppe ed era chiaramente orientato a privilegiare lo sviluppo imprenditoriale della cosca, affidato ai propri figli e nipoti e sviluppato attraverso il reperimento di nuovi e sempre più remunerativi canali di investimento economico, limitando al massimo il ricorso ad azioni violente ed evitando gli scontri interni ritenuti pregiudizievoli per la conduzione degli "affari".il controllo mafioso del territorio era stato invece demandato ad una serie di "reggenti", fedelissimi del capo cosca. "È una struttura così radicata nel territorio che non necessita neanche più di fare intimidazioni".

Le infiltrazioni in territorio tedesco hanno disvelato l'esistenza di una cellula operativa in Francoforte, Wiesbaden, Monaco e Stoccarda ove si sono monopolizzate con metodo ndranghetistico le forniture di vino, prodotti caseari, olio e semilavorati per pizze. Nicola Gratteri dimostra con questa operazione di essere il magistrato antimafia numero uno al mondo, con un coraggio e una capacità investigativa che tutti oggi gli invidiano.

Sono stati oltre mille i carabinieri impiegati durante la notte e ancora intenti, durante lo svolgersi della conferenza stampa, a notificare provvedimenti o identificare arrestati.

Share