Pornostar pagata da Trump: "Ci fu relazione di un anno"

Share

Lo rivela l'ex attrice a luci rosse Stephanie Clifford, in arte Stormy Daniels, in un'intervista rilasciata nel 2011 al magazine di gossip 'In Touch' e pubblicata oggi. I due si sarebbero poi visti a New York e Los Angeles. All'inizio del 2007 sarebbe stata anche invitata ad un party per la Trump Vodka e quindi a Miss Usa.

La Casa Bianca nega tutto: "Queste sono storie vecchie e riciclate che sono già state pubblicate e con forza smentite prima delle elezioni", ha dichiarato un funzionario.

L'ex pornostar Stephanie Clifford esce allo scoperto, direttamente, dopo le notizie sul fatto che Donald Trump nel 2016 l'avrebbe pagata 130mila dollari per mantenere il silenzio su un presunto rapporto sessuale con il tycoon. Speriamo non accada più e faremo in modo di risolvere il problema in modo che non ci sia gente troppo in allarme e coi nervi tesi": "così Donald Trump ha commentato il clamoroso falso allarme sul missile in arrivo sull'arcipelago del Pacifico che ha gettato per quasi 40 minuti nel panico la popolazione hawaiana.

Ronaldinho, ritiro ufficiale: "E' finita, organizzeremo qualcosa di grande"
Ronaldinho lascia ufficialmente il calcio giocato. "E, naturalmente, vogliamo fare una partita con una selezione brasiliana". A dare la notizia definitiva dell'addio è stato Roberto de Assis , fratello e agente del 37enne campione.

La settimana scorsa il giudice federale William Alsup aveva stabilito con un'ingiunzione che tali tutele devono restare in vigore fino a quando non si sara' concluso l'iter legale avviato per porre fine al programma.

Clifford, sottolinea il WSJ, non ha risposto alle molteplici email inviate per ottenere un commento.

"È stata una questione che riguarda lo stato delle Hawaii, hanno commesso un errore e si sono assunti la piena responsabilità". Il Journal cita l'avvocato di dell'attrice (che, ricorda la testata, ha girato oltre 150 pellicole ed era considerata una star del settore quando incontrò Trump), tramite il quale sarebbe avvenuto il pagamento dei 130.000 dollari pattuiti su un conto della City National Bank di Los Angeles.

Share