Raffaele Marra rinviato a giudizio

Share

Roma, 8 gen. (askanews) - Comincia domattina l'udienza preliminare di Raffaele Marra, l'ex manager pubblico accusato di abuso d'ufficio in merito alla nomina di suo fratello Renato a capo del dipartimento turismo del Campidoglio. Il processo al 20 aprile 2018.

L'inchiesta è quella sulle nomine in Campidoglio che ha visto coinvolta in prima persona anche la Raggi (accusata di falso documentale) che però - grazie ad una mossa difensiva dei suoi avvocati - ha scelto il giudizio immediato e rinviato l'appuntamento giudiziario al prossimo 21 giugno, ad elezioni politiche concluse.

Cassano: 'Facevo la fame, mi è mancato un padre. Gli errori...'
Il calcio è sempre stato la mia grande opportunità, allora duemila lire in più o in meno per me facevano una grande differenza . Un giorno Capello mi sostituì e diedi di matto nello spogliatoio, lo insultai in spagnolo e in italiano, senza motivo.

Rinvio a giudizio per l'ex capo dell'ufficio del personale ed ex fedelissimo del sindaco Virginia Raggi, Raffaele Marra. Raffaele Marra, invece, è già a giudizio per corruzione insieme all'imprenditore Sergio Scarpellini.

Il processo che vede imputati, per concorso in corruzione, Raffaele Marra e l'imprenditore romano Sergio Scarpellini è stato sospeso fino al prossimo 13 aprile. L'ex capo del personale del Campidoglio è accusato di essersi adoperato affinché il fratello venisse promosso. I giudici della seconda sezione penale hanno aggiornato il procedimento a causa delle gravi condizioni di salute di Scarpellini. Il procuratore aggiunto Paolo Ielo e il pm Francesco Dall'Olio, come riportato da La Stampa, non hanno mai creduto alla versione della sindaca di Roma Virginia Raggi, che ha sempre sostenuto di aver fatto tutto da sola nella nomina di Renato Marra, descrivendo il ruolo di Raffaele "di mera pedissequa esecuzione delle determinazioni da me assunte, senza alcuna partecipazione alle fasi istruttorie, di valutazione e decisionali".

Share