Sacchetti Bio, Bonelli: "Una vergognosa campagna di disinformazione"

Share

"Il riutilizzo dei sacchetti - ha affermato Ruocco - determinerebbe infatti il rischio di contaminazioni batteriche con situazioni problematiche".

"Esiste il rischio di eventuali contaminazioni", secondo il segretario generale del ministero Giuseppe Ruocco. Ecco l'interpretazione ortodossa pubblicata da Il Giornale "I sacchetti biodegradabili forniti dai supermercati per contenere frutta e verdura non potranno essere utilizzati più di una volta". Tuttavia, ha aggiunto il dirigente del ministero, il titolare dell'esercizio commerciale "avrebbe ovviamente la facoltà di verificare l'idoneità dei sacchetti monouso introdotti".

Il documento fornisce anche un chiarimento sui 2 cents (di media, costo da 1 a 3) richiesti ai clienti.

Le borse di plastica di qualsiasi tipo "non possono essere distribuite a titolo gratuito" dai supermercati, e "il prezzo di vendita per singola unità deve risultare dallo scontrino".

Dinamo, al PalaSerradimigni perde contro Avellino: 88-95
Si accende Bamforth e la Dinamo vola riuscendo proprio con una tripla del kosovaro a prendersi il massimo vantaggio: 35-32. Spissu segna ancora e porta il suo personale score nel quarto a 10. 33 punti per Rich , 18 in 22 minuti per Fitipaldo .

Una borsa utilizzata nei reparti gastronomia, macelleria, ortofrutta, etc., che con diciture o altri mezzi tentasse di porsi al di fuori della normativa e che fosse priva anche di uno solo dei requisiti cumulativi previsti, rappresenterà un'elusione di legge per la quale scatteranno sanzioni fino a 100.000 euro. Un tentativo per aggirare le nuove regole e non pagare il sacchetto. La normativa "a tutela dell'ambiente" è stata duramente criticata per l'obbligo di pagare le buste, esattamente come succede con quelle in mater bi alle casse. Una precisazione che non è però bastata a raffreddare i toni di consumatori e opposizioni.

Mezza agevolazione, dunque, per i consumatori le cui associazioni sono sempre di più sul piede di guerra. Ha risposto direttamente dal suo profilo social: "L'ultima che sta girando molto via sms è che avrei organizzato un complotto per aiutare miei amici e cugini di terzo grado impegnati nella fabbricazione di sacchetti".

"Il problema - spiega il dirigente del ministero di lungotevere Ripa - inizialmente non era sanitario ma ambientale, poi il ministro dell'Ambiente ci ha chiesto un parere che verosimilmente sarà inserito in una circolare unica dei due dicasteri". Lo scrive in una nota Angelo Bonelli di Verdi-Insieme. "In Italia vengono consumati tra i 9 e i 10 miliardi di sacchetti di plastica, circa 150 a testa all'anno". L'obiettivo sacrosanto è combattere l'inquinamento alla luce degli impegni che abbiamo firmato a Parigi e che rivendichiamo: noi a differenza di Trump non abbiamo cambiato idea. I contrari accusano soprattutto il Pd di aver favorito la ditta Novamont, leader nel settore dei sacchetti bio, guidata da Catia Bastioli, presidente di Terna dal 2014, nominata dal governo dell'allora premier Matteo Renzi.

Share