UE, Moscovici rimprovera Fontana e boccia Di Maio sul deficit

Share

Ma ha poi ribadito che il principale motivo di preoccupazione è "l'incertezza politica" per le elezioni del 4 marzo. Quanto alla proposta di Luigi Di Maio sul rapporto deficit-Pil, Moscovici non ha usato giri di parole: "La sua proposta di sfondare il tetto del 3% nel rapporto deficit-Pil è un controsenso assoluto".

Il Commissario Ue agli Affari economici in conferenza stampa a Parigi, è tornato a evidenziare l'alto livello del debito pubblico italiano, che però "comincia a scendere".

"Sul piano economico, questa riflessione non è pertinente".

Capitale Cultura 2020. "Presto si conoscerà il nome del vincitore"
Il nostro obiettivo è raggiunto.l' italia finalmente conosce la capitale della cultura del riscatto. La città vincitrice rappresenterà per un anno l'offerta culturale e turistica nazionale.

"Sono un uomo di sinistra - ha concluso Moscovici - ridurre il deficit significa combattere il debito e combattere il debito significa permettere la crescita e la qualità della spesa pubblica".

Il vicepresidente della Commissione europea ha poi commentato le parole di Attilio Fontana, candidato del centrodestra in Lombardia, sulla razza bianca. "I partiti illiberali - ha spiegato - razzisti, estremisti, vanno combattuti sul terreno politico". Quale programma, quale impegno europeo?

Sempre in riferimento alla situazione italiana, Moscovici ha parlato della ripresa economica del nostro Paese citando Galileo Galilei: "Sull'Italia - ha detto - cito sempre Galileo: 'Eppur si muove.". "In un contesto in cui la situazione economica dell'Italia non è certamente la migliore a livello europeo, felice chi potrà dirlo.". Siamo delle democrazie, bisogna lasciare i popoli votare. "Diverse riforme state realizzate", anche se altre sono "ancora da fare". "L'Europa ha ripreso colore e può contare su una crescita solida e duratura", ha aggiunto, sottolineando che ormai la crescita europea supera il 2%, "più degli Stati Uniti". Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

Share