Ue vara piano anti-plastiche, riciclo totale entro 2030

Share

L'iniziativa "per proteggere il pianeta e i cittadini e responsabilizzare le imprese", si inserisce "nel processo di transizione verso un'economia più circolare".

Jyrki Katainen, vicepresidente responsabile per l'occupazione, la crescita, gli investimenti e la competitività, ha dichiarato: "Con la strategia sulla plastica stiamo gettando le basi per una nuova economia circolare della plastica e orientando gli investimenti in questo senso".

"Entro il 2030 - ha detto Frans Timmermans, primo vicepresidente della Commissione - tutti gli imballaggi in plastica sul mercato europeo dovranno essere riutilizzabili o riciclabili".

Una quota significativa della plastica europea viene smaltita in mercati terzi come la Cina, che però ha annunciato qualche settimana fa una stretta sull'importazione di rifiuti in plastica.

Belen e Andrea Iannone vanno a vivere in Svizzera: l'annuncio della showgirl
Le faccio un esempio: noi non pubblichiamo foto sui social insieme e per tutti siamo: in crisi, lasciati, separati, eccetera . Poi mi giro, abbraccio la mia compagna e mi aggrappo alla realtà", dice Andrea Iannone , da due anni legato alla showgirl .

Numeri alla mano, l'Europa produce oggi 25 milioni di tonnellate di plastica e solo il 30% (il 41% in Italia) finisce nel circuito del riciclaggio e questo rifiuto rappresenta l'85% della spazzatura che finisce in spiaggia e nel 2050, continuando di questo passo, ci sarà più plastica che pesce (in peso) negli oceani.

"Inoltre la normativa servirà come incentivo per lo sviluppo di nuovi modelli di business dove una progettazione sostenibile potrà finalmente rendere maggiormente redditizio per le imprese l'utilizzo di plastica riciclata rispetto alle materie vergini".

Per esempio siccome oggi i produttori non tengono conto che alcuni materiali, come certi additivi o coloranti, che migliorano l'estetica della plastica ne rendono anche più difficile il riciclo, allora veranno rivisti i requisiti dei prodotti e saranno previsti incentivi economici per i produttori che scelgono un design e un packaging sostenibile.

La plastica non riciclata impiega centinaia di anni per disgregarsi e i rifiuti di plastica che finiscono negli oceani ogni anno sono il più chiaro e allarmante segno del problema legato alle materie plastiche, problema che sta interessando sempre maggiori fette di opinione pubblica e che richiede una risposta comune europea. Il pacchetto prevede, tra le altre cose, misure importanti per limitare l'uso delle microplastiche nei prodotti e stabilire l'etichettatura di quelle biodegradabili e compostabili.

Share