Antibiotico salva vita a neonata affetta da grave malattia

Share

'È il primo caso al mondo in cui un antibiotico ha salvato la vita a una neonata con una linfangiomatosi', ha detto Laforgia, appartenente a una struttura sanitaria che ha stabilito un record. "È una malformazione del sistema linfatico che - continua il medico - determina una dilatazione dei vasi e, come nel caso trattato, ci possono essere interferenze con altri organi vitali". Il suo team ha provato ad affrontare la malattia con un antibiotico mai utilizzato prima nel trattamento della linfangiomatosi. Alla neonata la malattia era stata diagnosticata poco prima della nascita, con un'ecografia alla 36esima settimana di gravidanza.

Da qui l'intuizione del direttore dell'unità Nicola Laforgia, che ha chiesto ai genitori della neonata il consenso informato necessario a sperimentare la terapia.

"L'iniziale terapia medica con propanololo non ha dato una risposta clinica positiva - ha spiegato Laforgia - pertanto si è passati alla somministrazione di un farmaco antibiotico immunosoppressore, grazie al quale si è osservata una riduzione significativa non solo della massa laterocervicale, ma anche delle altre lesioni'".

L'intuizione che ha permesso addirittura la guarigione della piccola è legata ad un antibiotico.

Monteverde, esplosione in una pescheria bistrot in via dei Quattro Venti
Sul posto una squadra VVF, il CRRC (Carro Rilevamento Radioattivo Chimici) e il Funzionario di Servizio. Udito lo scoppio sono state decine le richieste di intervento al Numero Unico per le Emergenze 112.

Successivamente alla nascita, la patologia si è mostrata severa, compromettendo le vie aeree.

Un presagio fenomenale e provvidenziale quello del dottor Laforgia.

Il caso è balzato agli onori della stampa scientifica e medica internazionale ma soprattutto ha fatto felice una famiglia e una piccola, rinata a nuova vita grazie alla scienza e alla ricerca. L'Italia fa parlare, in bene, di sé.

Share