Bari, giornalista della Rai aggredita dalla moglie di un boss

Share

"Insieme a lei decideremo le opportune azioni a tutela sua e della libertà di stampa", commenta il sindacato.

La giornalista del Tg1 Maria Grazia Mazzola è stata aggredita a Bari, nel quartiere Libertà, mentre stava cercando di intervistare Monica Leara, la moglie del boss Lorenzo Caldarola, affiliato al clan Strisciuglio.

Non è ancora chiara la dinamica dell'aggressione subita dalla giornalista Mariagrazia Mazzola da parte di persone non identificate.

Sanremo, sorpresa Virginia Raffaele: entra dalla platea e gioca con Baglioni
Michelle Hunziker e Pierfrancesco Favino possono così introdurre la seconda tranche del concorso delle Nuove proposte . Riecco anche l'accoppiata Ermal Meta-Fabrizio Moro con la canzone Non mi avete fatto niente , caso di Sanremo 2018 .

Il sindaco di Bari Antonio Decaro ha condannato l'aggressione: "Quanto accaduto è inaccettabile. Insieme a lei - concludono i rappresentanti dei giornalisti - decideremo le opportune azioni a tutela sua e della libertà di stampa". Dalla concitazione si sarebbe passati alle mani e la giornalista sarebbe stata presa a schiaffi.

La donna è stata poi trasportata al pronto soccorso del Policlinico per gli accertamenti del caso: "Ho fatto solo il mio dovere di cronaca, non sono stata insistente, ma la moglie di questo mafioso mi ha aggredito con uno schiaffo alla testa - ha dichiarato Maria Grazia Mazzola all'uscita dall'ospedale - viva l'informazione libera".

È accaduto oggi nel rione Libertà, da sempre baluardo della criminalità organizzata del capoluogo pugliese, durante un evento particolare: Don Ciotti, fondatore di Libera, stava visitando il quartiere, testimoniando la sua quotidiana lotta contro le mafie proprio tra quelle strade che la mafia barese tiene in ostaggio. Sul posto, dopo il procuratore di Bari, Giuseppe Volpe, si è recato anche il pm di turno Baldo Pisani. Sulla vicenda indaga la squadra mobile di Bari.

Share