Bimba non vaccinata contrae il tetano: indagati i genitori per lesioni

Share

Sono indagati con l'accusa di 'lesioni personali colpose', i genitori della bambina di 7 anni, ricoverata all'Ospedale Infantile Regina Margherita di Torino per aver contratto il tetano.

Lo scorso autunno, quando il caso venne alla ribalta, i genitori chiesero privacy e si opposero alle eventuali strumentalizzazioni del caso. Contro i genitori si era schierato il virologo Roberto Burioni che, a Vanity Fair, aveva spiegato: "Quello del tetano è l'unico tra i vaccini per il quale non esiste immunità di gregge".

Super Bowl 2018: orari, dove vedere la diretta in tv e streaming
Bank Stadium di Minneapolis in Minnesota, la casa dei Vikings, che hanno perso la finale di conference proprio contro gli Eagles. Secondo quanto scrive Usa Today, la temperatura prevista per il fischio di inizio domenica 4 febbraio sarà di -17c.

Successivamente era stato accertato dall'ospedale che la bambina aveva preso davvero il tetano. Nell'occasione si scoprì che la piccola, come pure il fratellino di dieci mesi, non erano mai stati vaccinati: nè contro il tetano nè contro altre malattie.

Ora la denuncia per lesioni colpose. Nei prossimi giorni la Procura incaricherà un medico legale di chiarire alcuni punti su una vicenda evidentemente delicata. Visti i sintomi, i medici avevano ipotizzato subito un caso di tetano nonostante oggi colpisca meno di 50 bambini all'anno in Italia. Non siamo attivisti No Vax. "Io e mia moglie crediamo che sul tema dei vaccini ci sia tanta disinformazione e che ognuno difenda le proprie posizioni, senza però dare risposte chiare ai cittadini", dicevano. Nel frattempo, come si è appreso dalle fonti sanitarie, i due figli sono stati vaccinati. "Ci siamo informati sugli effetti collaterali e abbiamo fatto le scelte che ritenevamo migliori e giuste", avevano concluso.

Share