Come difendersi dal carattere indiano che blocca iPhone

Share

Si tratta di un semplice carattere indiano che, non riconosciuto dai dispositivi, mette letteralmente ko i cellulari Apple, senza che i proprietari degli apparecchi colpiti facciano nulla: basta ricevere il carattere per messaggio, senza neppure aprirlo, per mandare in tilt il telefono.

Settimane fa il produttore californiano aveva iniziato a rallentare appositamente la CFU di alcuni melafonini con batteria ormai logore, al fine di evitare che questi si spegnessero all'improvviso nel mentre tentavano di gestire attività più complesse. Perché tanto, finché non ci sarà un aggiornamento di Apple, la cosa migliore è prevenire, esattamente come quando si parla di salute. Un iPhone bloccato dalla ricezione di questo carattere si può sistemare, ma se non siamo particolarmente fortunati la procedura potrebbe essere complessa. Non dovrete fare altro che disinstallare l'applicazione e reinstallarla.

La situazione di gran lunga più peggiore è quando è proprio iOS a cercare di mostrare questo carattere indiano. Facendo così, infatti, iOS non cercherà più di mostrare il carattere in questione. Il prezzo dovrebbe essere molto più contenuto rispetto ad iPhone X: parliamo di circa 700 dollari, quasi 560 euro a dispetto di un prezzo iniziale di circa 1000 euro per iPhone X. Il nuovo Iphone rischia concretamente di divenire una delle colonne portanti del mercato di Apple considerato che le ricerche in merito a questa possibile uscita parlano di una possibile vendita di almeno 100 milioni di unità in un anno.

Industria al top dal 2011: il fatturato 2017 a +5,1%
Soddisfazione del ministro dello Sviluppo Economico Calenda. "Produzione industriale più di Francia e poco sotto Germania". Nell'intero quarto trimestre del 2017, infine, la crescita del fatturato rispetto al trimestre precedente è stata del 2,9%.

Nel caso abbiate deciso di voler ripristinare completamente il vostro iPhone la procedura da seguire è quella spiegata da Apple direttamente nella sua pagina di supporto.

Il bug segnalato sarebbe stato già risolto nella versione 11.3 di iOS, ma i tecnici di Cupertino starebbero lavorando anche a dei minor update per tutte le altre piattaforme di casa.

Share