Da Jeeg Robot a Fabrizio De Andrè

Share

Per i fan di De André e di Marinelli non resta che attendere la messa in onda della seconda parte della mini fiction, in onda mercoledì 14 febbraio sempre su Rai 1.

Sembrava impossibile rielaborare in pellicola l'estro creativo e la vita di Fabrizio De André, l'indiscutibile poeta musicale che ha lasciato un segno indelebile nella storia del cantautorato mondiale.

L'auditel di ieri, martedì 13 febbraio, vede la vittoria di Rai1 con la prima puntata della miniserie "Fabrizio De Andrè - Principe Libero" di Luca Facchini, che ha registrato 6.178.000 spettatori pari al 24,3% di share.

"Marinelli parla come Totti" si legge infatti in un cinguettio, mentre in un altro si lamenta l'assenza di quello spirito genovese che tanto impregnava l'anima di De Andrè: "L'accento di Genova non si sente".

Sudafrica, l'Anc ha deciso di rimuovere Zuma
In questo caso, può essere destituito con una mozione di censura in Parlamento entro la fine del mese. Ora tutto si giocherà il 22 febbraio nel previsto voto di fiducia a Zuma del parlamento.

Luca Marinelli, accetta con coraggio di interpretare un ruolo così complesso, sottoponendosi al rischio di critiche feroci e invece è stato come investito magicamente dal ruolo.

In sala registrazione conosce l'amore della sua vita Dori Ghezzi che gli fu presentata proprio da Cristiano Malgioglio. I risultati, però, sembra abbiano premiato la sua temerarietà... In particolare è stato ampiamente apprezzato Luca Marinelli, l'attore che interpreta il cantante, anche se non sono mancate le polemiche.

Ha recitato accanto a Luca Argentero nella fiction romantica Sirene e nel film drammatico Il permesso - 48 ore fuori, per la regia di Claudio Amendola.

Eppure, nonostante sia giovanissima, la Bellè è anche una delle attrici più ricercate del cinema italiano: ha fatto parte del cast del film Il permesso diretto da Claudio Amendola e di Amori che non sanno stare al mondo di Francesca Comencini. Così, nell'album "Le nuvole", il grande Fabrizio De Andrè descriveva il famoso pirata britannico Samuel Bellamy. Ed eccolo allora girovagare tra i carrugi della "città vecchia" insieme agli inseparabili amici Paolo Villaggio (Gianluca Gobbi) e Luigi Tenco (Matteo Mortari), nei "quartieri dove il sole del buon Dio non dà i suoi raggi", che diventano inesauribile fonte di incontri con quegli ultimi (ladri, prostitute, malati di solitudine) che gli forniranno l'ispirazione per i suoi primi capolavori. La serie tv ripercorrerà la vita del cantautore citando la sua famiglia, i suoi studi e i suoi amici più cari tra cui figura l'attore Paolo Villaggio. Il biopic è impreziosito dalla partecipazione straordinaria di Ennio Fantastichini. Davide Iacopini è Mauro, il fratello di Fabrizio: brillante, serio, lui sì avvocato, indulgente e comprensivo ma anche critico verso il fratello minore.

Share