Di Maio presenta la "lista nera" degli "impresentabili"

Share

Di Maio se l'è presa con Renzi perché sta cercando di infamare il suo partito ed il suo operato: ci sono dei nomi secondo lui impresentabili che dovrebbero sparire da tutte le liste elettorali (secondo il leader 5 stelle ce ne sono diversi per quanto riguarda il PD). In questa terra, il Sulcis, la Sardegna ha visto nascere la modernità ma adesso, di fronte al fallimento del sistema industriale, dobbiamo ascoltare il ministro Calenda che ci spiega che il mondo è rimasto uguale a cinquant'anni fa. "Probabilmente avrà pronto un bel reddito di cittadinanza anche per loro visto che il (presunto) capo dei 5stelle vuole abolire la riforma della scuola fatta dal centrosinistra che farebbe lasciare la cattedra e quindi il posto di lavoro a migliaia di insegnanti che dopo anni e anni di precariato sono stati assunti non dalle parole dei grillini ma dai fatti dei governi di centrosinistra". "Abbiamo preparato la querela, se accetterà di rinunciare all'immunità parlamentare, cosa che non ha fatto in più di una circostanza". Lo dice Matteo Renzi a Repubblica.

Terremoto di magnitudo 6.1 colpisce Taiwan
Un terremoto di magnitudo M 2.0 sulla scala Richter è stato segnalato nel Lazio alle 8.07 di oggi, domenica 4 febbraio 2018. Alle ore 8:07 scossa di M. 2.0 ad Amatrice (AQ) con ipocentro a 11 km di profondità.

"Governatore della Regione Abruzzo, indagato a Pescara e a L'Aquila, per una inchiesta su appalti regionali e sul recupero del complesso che ha ospitato il mercato ortofrutticolo pescarese": così si legge sul blog del M5S. Di Maio ha poi elencato altri tre candidati in Calabria, "rinviati a giudizio nel luglio scorso" e un altro imputato a Roma in un processo "per una storia falsi appalti pubblici". La lunga lista degli impresentabili del centrosinistra termina con Luca Lotti indagato per favoreggiamento e rivelazione di segreto istruttorio nel caso Consip. E poi, il cavallo di battaglia: il reddito di cittadinanza, arricchito nella versione 2018 dalla pensione di cittadinanza: "Le pensioni minime - dice Di Maio - sono al di sotto della soglia di povertà: questo è inaccettabile". Di Maio ascolta, raccoglie i consigli e ringrazia: "Sono onorato del bene che ci vogliono i sardi". La nostra pensione di cittadinanza, insieme al reddito di cittadinanza, ammonta, per la prima annualità, a 17 miliardi, per il secondo a 14 e va a diminuire sensibilmente con l'aumento dell'occupazione. "Questo signore gli impresentabili li ha candidati lui". Nella coalizione di centrodestra FI e Lega si rubano i voti a vicenda.

Share