Domani a San Pietro la commemorazione dei martiri delle Foibe

Share

La legge, inoltre, stabilisce che siano previste iniziative per diffondere la conoscenza di questi tragici eventi e che ciò avvenga nelle scuole di ogni ordine e grado e che attraverso istituzioni e enti sia favorita la raccolta e la diffusione di documentazioni riguardanti gli eccidi delle foibe e gli esodi, affinché ne sia conservata la memoria. Il messaggio che vogliamo dare è un messaggio di speranza, da giovani per i giovani: "vogliamo tramandare il ricordo, vogliamo far sì che questa pagina di storia negata venga riconsegnata alle nuove generazioni, vogliamo spiegare che tenere vivo il ricordo dei nostri fratelli italiani morti infoibati è l'unico modo che abbiamo per sperare che mai più accada una cosa simile, vogliamo urlare che anche dalla tragedia si rinasce e lo faremo a modo nostro, suonando, cantando, recitando e parlando di vita e di amore". Anche le foibe e l'esodo forzato furono il frutto avvelenato del nazionalismo esasperato e della ideologia totalitaria che hanno caratterizzato molti decenni nel secolo scorso.

Il periodo storico è la Seconda guerra Mondiale e gli anni immediatamente successivi al conflitto. Infatti i prigionieri venivano giustiziati soprattutto nei campi di prigionia e durante il trasferimento. Tale prigionieri venivano torturati e gettati dentro le insenature rocciose (foibe) per morire in maniera ancora più brutale e dolorosa.

#FiorentinaJuventus, Higuain: "Tassello importante per la corsa allo Scudetto. Felice per Bernardeschi"
L'attaccante della Juventus , Gonzalo Higuain , ha parlato al termine della gara vinta ai danni della Fiorentina . Oggi non abbiamo fatto una partita brillante ma abbiamo mantenuto la porta inviolata.

Alle 11,30 quindi si svolgerà, alla presenza del sindaco Titti Palazzetti e delle autorità civili, militari e religiose la cerimonia aperta a tutta la cittadinanza di apposizione di una corona di alloro alla lapide commemorativa situata in viale Giolitti in memoria degli italiani uccisi e degli esuli istriani, fiumani e dalmati.

Share