F1, il ritorno del 'Biscione': svelata la nuova Alfa Romeo C37

Share

La prima vettura Alfa Romeo ornata con il Quadrifoglio fu la "RL" di Ugo Sivocci che vinse la XIV edizione della Targa Florio nel 1923.

Il direttore tecnico Jörg Zander ha poi aggiunto che "La vettura 2018 è il risultato del duro lavoro che ha impegnato tutto il personale in fabbrica negli ultimi mesi".

Lazio-Hellas Verona le probabili formazioni
Anche la Juve è spettatrice interessata dall'incontro, almeno per ciò che riguarda il mercato. Autocritica? Abbiamo analizzato il periodo che ha colto di sorpresa noi e tutto l'ambiente .

Si chiama C37 la monoposto del team Sauber che dopo trent'anni riporta il nome dell'Alfa Romeo in Formula 1. E oggi il leggendario simbolo ritorna nel massimo campionato automobilistico mostrando al mondo intero quanto sia ancora forte e vincente la filosofia Alfa Romeo, ovvero quella costante ricerca dell'eccellenza applicata alle competizioni che poi viene trasferita in toto sulle vetture di produzione.

La colorazione è quella bianco-rossa che era stata anticipata a dicembre con cui l'auto sarà riconoscibile al primo colpo d'occhio nello schieramento di partenza e nelle diverse fasi delle gare. "E non vediamo l'ora di iniziare la nuova stagione come Alfa Romeo Sauber F1 Team". Inoltre il motore Ferrari 2018 ci garantirà un incremento in termini di performance. Sono convinto che formino la coppia di piloti perfetta, un esperto e un promettente debuttante. "Speriamo di fare progressi e di essere maggiormente competitivi rispetto al 2017". Marcus sta iniziando la sua quarta stagione con noi, è una parte preziosa del team e beneficiamo dalla sua esperienza e dai precisi riscontri tecnici. Siamo convinti che il nuovo concetto ci offrirà maggiori opportunità e ci aiuterà a migliorare nel corso della stagione. Abbiamo investito molta energia nello sviluppo della C37. "Charles ha provato il suo talento nelle altre categorie a merita un posto in griglia". Monoposto che compirà i primi giri ufficiali sul Circuit de Catalunya, vicino Barcellona, dove dal 26 febbraio al 1 marzo si svolgeranno i test invernali.

Share