Fiorentina-Juventus, Pioli: "Guida doveva consultare il VAR"

Share

Dopo quasi quattro minuti Guida decide di annullare il calcio di rigore. Sai a cosa servono le spiegazioni? Ma non accetto questa scelta: Alex Sandro fa due tocchi, non uno solo, è difficile credere che non fosse un'entrata volontaria. Non è fuorigioco. Il regolamento è chiaro. Il rigore prima dato e poi non concesso che marchia la prima frazione carica a dovere i viola, più lucidi, determinati ed in partita rispetto ad una Juve che si abbassa spesso, lasciando Higuain abbandonato al proprio destino.

Prima, però, c'era stato il caso di moviola che ha generato la rabbia della Fiorentina e del pubblico di casa: al 18′ Benassi ha effettuato un cross deviato con il braccio da Chiellini. Veretout era già sul dischetto per battere la massima punizione ma l'uomo al video, Fabbri, impiegherà oltre 3 minuti per prendere la decisione: passa in rassegna le immagini, probabilmente per verificare che il tocco di "mani" vada ritenuto falloso (e non sia invece ad esempio fortuito in seguito ad una deviazione su altra parte del corpo), poi dà indicazione a Guida di revocare la decisione. Netto il commento di Pioli nel dopo partita, un perentorio: "Non era fuorigioco". "Abbiamo concesso pochissimo a un avversario forte, non sfruttando le occasioni che abbiamo creato". Peccato, perché abbiamo fatto una buna prestazione di spirito e qualità. Al 38', poi, ecco che si materializza l'episodio che potrebbe cambiare la prima frazione ma Gil Dias centra in pieno il palo su un contropiede ispirato da Chiesa.

Un giudizio complessivo sul Var?

Dovevate sfruttare meglio le occasioni? Anche se abbiamo dei valori per fare bene, per essere competitivi. "Serviva forse un episodio; purtroppo non siamo riusciti a segnare", ha aggiunto Pioli.

Pornografia minorile, perquisizioni anche a Lecce: 6 indagati
Ad alimentare l'archivio ex fidanzati, tecnici riparatori che estrapolavano le immagini o video da telefoni e computer portati in assistenza.

Come giudica la prestazione di Simeone? "Contro una squadra che in quindici partite prende un gol non è facile giocare".

JUVENTUS (4-3-3): Buffon; Lichtsteiner (16′ s.t. Barzagli), Benatia, Chiellini, Alex Sandro; Khedira, Pjanic, Marchisio (32′ s.t. Douglas Costa), Bernardeschi (32′ s.t. Bentancur), Higuain, Mandzukic.

"Non lo so, non mi interessa". Sportiello colpevole sul primo gol?

"Secondo me il posizionamento della barriera era sbagliato, ci voleva qualche giocatore in più".

Share