L'assist di Crocetta a Musumeci, monta la polemica sulla rimozione di Antoci

Share

Per Lumia "la mancata conferma di Giuseppe Antoci è un regalo alla mafia". Inoltre, evidenziano il riconoscimento ottenuto dal Parco con il Premio continentale per l'ambiente che fu: "assegnato all'unanimità da ben 400 stati membri e mai ricevuto da un italiano e da un'area protetta italiana".

Giuseppe Antoci non sarà più il Presidente del Parco dei Nebrodi, oltre a lui subiranno un avvicendamento dei vertici anche tutti gli enti controllati dalla Regione.

Il presidente della Regione Sicilia, Nello Musumeci, sminuisce l'entità della vicenda: "Non voglio dare incarichi politici durante la campagna elettorale: al momento nomineremo dei funzionari interni in attesa della conclusione delle prossime elezioni politiche, poi faremo le nomine definitive".

Nebrodi. "E un segnale tremendo, un vero e proprio gesto di tradimento istituzionale, nei confronti di un uomo che rischia la vita nella lotta contro la mafia, quella mafia che non esiste più per il centro destra - dice Crocetta - Con Antoci abbiamo cacciato la mafia dai terreni dei Nebrodi, abbiamo risanato e rilanciato le politiche a favore del Parco". Quale interesse politico è stato ritenuto così prioritario - ha aggiunto Lumia - al punto da sacrificare un percorso virtuoso di legalità e sviluppo come quello portato avanti da Antoci?

Alessia Marcuzzi, l'attacco choc del marito di Eva Henger
Francesco Monte ha parlato dell'esperienza dell'Isola dei Famosi a Silvia Toffanin su Canale 5: "Ho la coscienza a posto". Proprio loro due, assieme a Simone Barbato , sono tra l'altro i concorrenti in nomination questa settimana.

L'abbiamo ricevuta con tanti altri importanti riconoscimenti nazionali ed internazionali che, insieme a migliaia di cittadini, siciliani e non - loro sì! - hanno voluto dimostrare vicinanza, Signor Presidente, ma con i fatti. "Con questa scelta l'esposizione al rischio aumenta ulteriormente". Fra le figure rimosse dall'incarico Giuseppe Antoci che, dopo l'attentato del 2016, era diventato uno dei volti antimafia della Sicilia e, politicamente, del Partito democratico.

Minacciato da Cosa Nostra, ma vittima dello spoil system adottato dal governatore siciliano Nello Musumeci. Ho assunto la Presidenza del Parco dopo dieci anni di commissariamenti, trovandolo depotenziato, mortificato e considerato un carrozzone, nonostante il valore dei suoi dipendenti e dei suoi dirigenti. Ho redatto un 'protocollo' recepito - ricorda ora - dal nuovo Codice antimafia il 27 settembre 2017 e adesso è applicato in tutta Italia.

Caustica la chiosa di Antoci: "Ringrazioanche il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci che, attraverso la mia rimozione e il relativo commissariamento del Parco dei Nebrodi, mi ha fatto comprendere, in maniera inequivocabile, da quale parte sta".

Il mandato sarebbe scaduto il prossimo ottobre, ma il 13 febbraio il presidente del Parco dei Nebrodi Giuseppe Antoci è stato rimosso dall'incarico ed il Governatore Nello Musumeci ha commissariato l'Ente.

Share