Meloni contestata a Livorno: "I soliti quattro deficienti dei centri sociali"

Share

La contestazione è avvenuta nel quartiere popolare di Sant'Andrea. La leader di Fdi ha raccontato di essere stata colpita da una bottiglia di plastica e da uno sputo. Un cartello è stato esposto con su scritto 'Livorno i fascisti non li vuole. "Meloni vattene!". Un altro grande striscione, di tenore simile, era appeso alla Fortezza nuova. Secondo quanto reso noto dal partito di Fdi della Toscana la bottiglia è stata lanciata mentre stava salendo in auto per lasciare la città. Meloni ha ripresto tutto con il cellulare, documentando così il grado di democrazia e civiltà di quanti gridano al pericolo oscurantista fascista e commentando: "Se quello che è accaduto a Livorno fosse successo a qualche esponente di sinistra ci sarebbe qualcuno che chiederebbe l'intervento dei caschi blu dell'Onu". "A Livorno - dichiara Giorgia Meloni - oggi le due Italie che si confrontano il prossimo 4 marzo: da una parte Fratelli d'Italia che parla con i commercianti, con le persone comuni, di sicurezza, di tutela del piccolo commercio, di identità, di marchio italiano. Dall'altra i soliti quattro deficienti dei centri sociali che quattro giorni fa in branco prendevano a calci un brigadiere dei carabinieri mentre era a terra e che oggi vogliono impedire a me di parlare". La condanna dei fatti di Livorno è stata trasversale. Tra questi il presidente del Senato, e leader di Liberi e Uguali, Pietro Grasso, il ministro dell'Interno Marco Minniti (che ha telefonato personalmente alla leader di FdI) e il ministro della Difesa Roberta Pinotti.

Sudafrica, l'Anc ha deciso di rimuovere Zuma
In questo caso, può essere destituito con una mozione di censura in Parlamento entro la fine del mese. Ora tutto si giocherà il 22 febbraio nel previsto voto di fiducia a Zuma del parlamento.

"Continua il lavoro di strutturazione e riorganizzazione del partito sul territorio - spiegano soddisfatti i vertici provinciali del partito - A Ianniello e Alfano vanno i nostri auguri di buon lavoro, certi delle loro capacità nel portare avanti sul territorio il progetto politico di cambiamento delineato dal presidente Giorgia Meloni e fornire un contributo importante alla crescita di Fratelli d'Italia".

Share