Milano. Carabiniere ucciso accidentalmente da un collega durante esercitazione

Share

Gli inquirenti stanno indagando. E' deceduto poco fa al Policlinico di Milano, dove è stato portato d'urgenza. Il collega che ha sparato invece è in stato di choc. In particolare modo, verrà analizzata l'arma utilizzata per l'esercitazione che era in corso ieri pomeriggio alla caserma Montebello: come spiegano i colleghi dell'Api, "Andrea Vizzi era impegnato in un'operazione di addestramento in cui interpretava il ruolo dell'aggressore, era uno scenario con un soggetto con problemi psichici armato di coltello". Si sarebbe trattato di un colpo accidentale senza alcuna intenzione. Il militare sarebbe stato ferito all'emitorace destro esploso da una PM12 di un altro militare effettivo al medesimo Reparto. Ciò lascia supporre che la tragedia si sia consumata a fine esercitazione.

Ogni giorno i carabinieri di stanza alla Caserma Montebello si esercitano nell'area riservata per essere pronti ad eventuali attacchi terroristici.

Piacenza, studente di scuola media picchia la prof
PIACENZA Un nuovo episodio di violenza contro gli insegnanti, in questo caso in una scuola del piacentino. A dichiararlo all'AdnKronos è Patrizio Bianchi, assessore alla Scuola della Regione Emilia Romagna.

Andrea Vizzi aveva una decina d'anni di servizio e aveva trascorso un periodo alla stazione Arese prima di firmare la domanda per passare alle unità antiterrorismo. Gli investigatori sono a lavoro per ricostruire la dinamica e accertare le responsabilità. Le prime ricostruzioni stanno comunque escludendo in maniera quasi certa la volontarietà dell'accaduto, il colpo che ha ucciso il 33enne è partito per un tragico incidente, colpendo in pieno petto la vittima e uccidendola sul colpo.

Un carabiniere di 33 anni ha perso tragicamente la vita per mano di un collega all'interno di una caserma di Milano. Il colpo è stato fatale per il carabiniere, morto durante il trasporto in ospedale.

Share