Non è l'Arena | 4 febbraio 2017 | Giletti intervista Matteo Salvini | Ospiti

Share

E oggi interviene anche l'ex presidente dell'Ars Giovanni Ardizzone, che annuncia querele: "Mi vedo costretto a promuovere un'azione di risarcimento, in sede civile, per le smodate ed inusitate dichiarazioni rilasciate dal signor Giletti".

"Nella trasmissione di ieri - spiega Ardizzone - il conduttore televisivo ha ripetutamente inveito con insulti contro la mia persona, con riferimento a vicende relative ad una serie di trasmissioni condotte nel 2017 dallo stesso Giletti sulla Rai, nel programma domenicale 'L'Arena'". Accolto dal pubblico in studio con un grandissimo applauso, il conduttore si è lasciato sfuggire una piccola gaffe: "Buonasera a tutti, siamo tornati qui al timone di Non è la Rai..." Evidente il riferimento alla lunga carriera nella tv pubblica, abbandonata l'anno scorso tra le polemiche. Ieri a "Non è l'Arena" su La7 ospite è stato il capogruppo di Forza Italia Giuseppe Milazzo, protagonista di uno scontro dai toni accesi (guarda qui il video) con il conduttore. Nonostante il suo errore, il giornalista è tornato in forma dopo il malore in diretta di domenica scorsa, dopo il quale era stato operato per una notte in ospedale. "Non giochiamo con le parole". Giuseppe Milazzo, capogruppo di Forza Italia all'Ars, è tornato infatti ad attaccare il programma di La7. "È conosciuta la strategia di una trasmissione televisiva impiantata sulla demagogia e sulla disinformazione". "Ribadisco che non avendo un accordo con i sindacati, gli interessati al provvedimento ricorreranno al Tar, il quale gli darà ragione".

Netflix, confermata la seconda stagione della serie 'Suburra'
Vi ricordiamo che Suburra - La serie è il primo show italiano targato Netflix in collaborazione con Rai Fiction . La trama è ispirata alle vicende di mafia Capitale .

Padre Scordato ha concluso il suo intervento lanciando un appello alla classe politica affinchè agisca per ridurre, con opportuni interventi legislativi, le diseguaglianze, "introducendo il tetto sugli stipendi d'oro, ma ancor di più aiutando la nostra Sicilia a uscire dal triste primato che la vede ultima in classifica, in Europa, sul piano economico".

Share