Perugia: accoltellato un militante di Potere al Popolo

Share

Qualcuno ha chiamato il 113, ma quando i poliziotti sono arrivati non hanno trovato nessuno. Si riducono i servizi lasciando ampi spazi a strutture private dove "basta pagare" per avere ciò che il nostro ospedale non offre più. E' stato quindi colpito con tre colpi di arma da taglio mentre un altro militante che era con lui è stato colpito alla testa.

Al sito Umbria24 Pasquino ha poi raccontato i dettagli dell'aggressione: "Siamo stati accerchiati da un gruppo di quattro persone, tutte incappucciate, è nata una collutazione di qualche minuto finchè alcuni passanti hanno fatto dileguare gli aggressori". "Mentre chiediamo lo scioglimento delle organizzazioni neofasciste vogliamo mettere al centro della nostra campagna elettorale i contenuti, il programma, le pratiche di solidarietà che portiamo avanti ogni giorno sui territori, le lotte per i diritti sociali e in favore dell'ambiente, contro le speculazioni mafiose" conclude Potere al Popolo. "Le modalità dell'aggressione sono inequivocabilmente quelle che caratterizzano i gruppi di estrema destra, da anni, nel silenzio e nella distrazione della politica e delle istituzioni" sottolineano Andrea Ferroni, portavoce dei Giovani comunisti e capolista in Umbria di Potere al popolo, e Maurizio Acerbo, segretario nazionale di Rifondazione Comunista, candidato per lo stesso partito.

Meteo Lombardia, arriva Buran: neve nel weekend, poi il grande gelo
Il tutto accompagnato da nevicate anche moderate che imbiancheranno il territorio fino alle zone costiere. Le temperature subiranno un primo calo, poi la giornata di sabato sarà di attesa.

Un atto che "denota un clima gravissimo e pesante in Italia".

Share