Sanremo 2018, Baudo superospite rievoca le sue tredici edizioni

Share

Stavolta niente effetti speciali. Quei capelli che abbiamo sempre creduto non potessero mai invecchiare e che invece ce lo hanno restituito canuto ma mai vinto. Si lascia andare anche in qualche "balletto" che lo rende più umano e meno statuario. E anche questo, l'ha inventato lui.

Sting omaggia Zucchero con 'Muoio per te', cantata in italiano, prima di duettare con Shaggy sulle note di 'Don't make me wait'. In mezzo, uno scambio di battute in inglese con Pierfrancesco Favino. E così Pippo Baudo, con il suo capello bianco, arriva sul palco di Sanremo 2018 e si gode il calore del pubblico. Un omaggio speciale è a "Luciano Pavarotti, mio amico". Il professore, in grande forma, intona infine 'Chiamami ancora amore', la sua canzone vincitrice di Sanremo nel 2011.

Baglioni ha anche deciso di eliminare la serata cover, che non sarà presente a Sanremo come accaduto negli anni passati. E ancora le star mondiali ospitate sul palco, da Madonna a Sharon Stone, che baciò, a Whitney Houston, che fece il bis. L'esibizione entusiasma il pubblico in sala al punto di omaggiare i tre cantanti con una standing ovation. "Ha diretto l'orchestra a Caprera, per Garibaldi!" Entra Michelle Hunziker: "Ha debuttato con me", incalza Baudo. Il pubblico di Sanremo in piedi, salutato da Baudo con un "arrivederci al prossimo anno".

Applausi per il trio de Il Volo che ha intonato Nessun Dorma. Anche i social sono impazziti per il conduttore siciliano, ed i commenti sono quasi tutti positivi. Proprio in quest'ottica Baglioni ha deciso di aumentare il tempo di esecuzione di ogni brano, che arriverà a 4 minuti, contro i precedenti 3 minuti e 15 secondi.

Archiviata una denuncia su 4: le violenze sulle donne che restano impunite
Questa sera partirà la 68esima edizione del Festival di Sanremo e tutto sembra essere pronto per rendere lo show davvero unico.

Un grande ritorno all'Ariston per Pippo Baudo. A inizio serata il direttore artistico sottolinea il record di share realizzato all'esordio.

Favino torna a strappare qualche sorriso con il suo "momento culturale", recitando versi di Garcia Lorca che preludono ad esibirsi nel tormentone della scorsa estate: "Despacito" di Luis Fonsi.

La gara prosegue senza troppi scossoni con la classifica finale di questa seconda serata che vede il posizionamento per fasce dei dieci big in base al giudizio della sala stampa del valore del 30% su quella finale. Dal blu per la prestazione convincente, al giallo per quella intermedia, fino al rosso per quella insufficiente. Bungaro e Pacifico godono della luce riflessa della signora della canzone Ornella Vanoni, perfetta interprete della loro 'Imparare ad amarsi'. Tra i gialli Le Vibrazioni, Annalisa, Decibel. Si alterneranno sul palco i primi quattro giovani: Lorenzo Baglioni con 'Il Congiuntivo', Giulia Casieri con 'Come stai', Mirkoeilcane con 'Stiamo tutti bene' ed Alice Cairoli con 'Specchi rotti'.

Share