Sarri non esclude l'arrivo di uno svincolato

Share

Tre difensori su quattro sabato erano con Sarri già in Toscana, dove il tecnico azzurro ha svezzato Piotr Zielinski che adesso si sta consacrando ad altissimi livelli e che ha cambiato la partita contro la squadra di Inzaghi. Nulla di tutto ciò: a rendere ancor più complessa la vicenda ecco l'ennesimo approccio inconsistente inscenato dai partenopei, con la rete di De Vrij a gelare il San Paolo. La prestazione del secondo tempo della formazione azzurra contro la Lazio ha soddisfatto pienamente Maurizio Sarri, con l'allenatore del Napoli che nel post partita a Sky Sport non nasconde tutta la sua soddisfazione lanciando un messaggio, nemmeno poi così velato, alla Juventus. Di certo sulle fasce in difesa numericamente siamo in difficoltà. Era una scommessa Tonelli, che non giocava praticamente da un anno.

Marocchi: "Karamoh ha giocato a carte scoperte. Bel gol"
"Le due punte? Éder e Icardi può essere una coppia proponibile, è che secondo se si inserisce una seconda punta si limita Mauro". Poi è vero che ci sono cose da mettere a posto, abbiamo perso palloni banali ma si poteva anche far gol prima.

"Ma più che fisicamente, il calo del primo tempo è legato al nervosismo scaturito dall'infortunio di Ghoulam, che ci ha scosso emotivamente". Di fatto l'episodio si traduce nel veicolo perfetto per suonare la carica nell'intervallo: cosa sia accaduto nello spogliatoio partenopeo in quel quarto d'ora ha del misterioso, fatto sta che nella ripresa scende in campo la versione più aurea del Napoli di Sarri da quella strana estate del 2015 ad oggi. Esemplare perfetto del centrocampista box to box, un po' come accadeva nella Juventus di Conte prima ed Allegri poi con Paul Pogba ed Arturo Vidal. Lo stesso tecnico bianconero aveva affermato - alla vigilia del match del Napoli - di sperare in un risultato positivo della Lazio. "Eh, ma la panchina corta" potrebbe obiettare qualcuno: bene, è il caso di far crollare un altro mito comune che a forza di essere ripetuto tante volte sta diventando Bibbia. Resta un posto da coprire che sarà probabilmente per un baby della Primavera: non Leandrinho che non è in lista Uefa e non può essere schierato in lista B perché non ha due anni di appartenenza al club. Con i bianconeri potenzialmente rilassati dopo sei scudetti consecutivi e frustrati dalla seconda finale di Champions League persa in tre anni, questo Napoli avrebbe vinto lo scudetto a gennaio per assenza di rivali: come del resto sta accadendo in Inghilterra con il Manchester City, in Spagna con il Barcellona, in Germania con il Bayern Monaco ed in Francia con il PSG.

Share