Undici bambini morti Una stagione tragica

Share

Il virus influenzale che ha colpito il nostro Paese, dal mese di settembre ha ucciso 112 persone: di queste, 11 sono bambini con meno di 14 anni di età.

Dall'inizio della stagione ad oggi, in Toscana i casi gravi di influenza sono stati 39, e 8 i decessi (7 dei quali riferibili al ceppo AH1N1). In particolare, nell'ultima settimana, la sesta del 2018, sono stati segnalati 12 casi gravi e 1 decesso, ma i dati sono in continuo aggiornamento. E' il bilancio riportato dall'Istituto superiore della sanità nel bollettino settimanale Flunews. Fra questi ci sono stati anche due donne in gravidanza decedute.

Eni: l'utile fa sognare, i conti 2017 sono eccezionali
Nel quarto trimestre l'utile netto e' salito a 2,10 miliardi dai 340 milioni del quarto trimestre 2016. Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito.

La sesta settimana. I dati di questa settimana parlano di una diminuzione dell'attività influenzale rispetto alla settimana precedente. "I livelli della mortalità negli ultrasessantacinquenni sono al di sotto dell'atteso". Tuttavia, precisano gli esperti, si tratta di numeri sottostimati perché riguardano solo i casi in cui l'influenza è stata confermata da esame di laboratorio. Spesso sottovalutata, l'influenza uccide principalmente perché può provocare una polmonite virale primaria, ovvero il virus influenzale arriva direttamente ai polmoni, e può essere letale, soprattutto per persone che presentano condizioni di rischio preesistenti, come patologie cardiache e malattie respiratorie croniche. Tutti casi che si sarebbero potuti evitare con la vaccinazione, secondo gli esperti dell'Iss, perché seppure il vaccino non sempre evita l'influenza, ne previene le forme più severe.

Ma può anche uccidere per le conseguenze che provoca, ovvero indebolisce l'organismo rendendolo più esposto a infezioni batteriche secondarie, come la classica polmonite da pneumococco.

Share