Arrestato il boss della 'Ndrangheta Antonio Pesce, era ricercato da un anno

Share

La Polizia di Rosarno nella mattinata odierna ha arrestato il boss 26enne Antonio Pesce, appartenente all'omonima cosca.

Associazione mafiosa Nella giornata di oggi, gli uomini della questura di Reggio Calabria e del commissariato di Gioia Tauro, dopo mesi di ricerche sono riusciti a mettere fine alla latitanza del giovane. Quando hanno avuto conferma che il latitante si nascondeva in un appartamento a Rosarno, i poliziotti hanno isolato il condominio e poi hanno fatto irruzione.

Tottenham-Juventus 1-2 gol, highlights. Decide Higuain
La reazione bianconera è timida e si concretizza con un destro sul fondo di Pjanic e un colpo di testa alto di Alex Sandro . Sono proprio quei due lì davanti a fare la differenza nel momento decisivo della stagione.

Il ventenne è stato arrestato a Rosarno. Alla loro vista Pesce si è subito arreso.Gli agenti stanno vagliando la posizione di altre persone cheerano con lui. "A Antonino Pesce viene contestato il ruolo di direzione e capo del ramo della cosca che si riconosce nella figura del padre Vincenzo detto pacciu" (attualmente detenuto).

Quello odierno rappresenta un arresto importante: sono stati infatti così catturati tutti i latitanti della 'ndrina dei Pesce, tra le più potenti cosche della 'ndrangheta, con un esercito di affiliati inquadrati in 30 "locali" con interessi che si estendono da Reggio Calabria a Milano. Il latitante è stato localizzato dai poliziotti della Squadra Mobile reggina e dai colleghi del Servizio Centrale Operativo della Polizia di Stato, in un appartamento del centro abitato di Rosarno. Secondo quanto raccolto dagli inquirenti, Antonino era il responsabile del trasporto su gomma dei prodotti agrumicoli dalla Piana di Gioia Tauro al resto della nostra penisola. Assieme al fratello Savino di 29 anni, secondo l'accusa impartiva ordini e direttive alla cosca, facendo leva proprio sullo spessore criminale del padre, riconosciuto dagli altri esponenti di vertice della cosca con i quali trattava la ripartizione delle zone d'influenza e dei proventi del mercato del trasporto merci su gomma per conto terzi.

Share