Ascoli, due calciatori aggrediti dopo la sconfitta di Venezia

Share

Nella giornata di ieri, nella quale i marchigiani sono usciti sconfitti di misura nella trasferta di Venezia, due giovani calciatori bianconeri sono rimasti vittima di una deplorevole aggressione al momento del rientro nelle rispettive abitazioni. Oggi sono andati al comando provinciale dei carabinieri per denunciare l'accaduto. Il centrocampista Samuele Parlati e il portiere Vincenzo Venditti sono stati aggrediti in strada da un gruppo di 10 persone con il volto coperto e avvolti da sciarpe bianconeri, i colori della squadra della città. A venire colpito per primo è stato Parlati, riuscito a schivare un pugno prima di finire a terra con il suo aggressore. I carabinieri sono già al lavoro per identificare i responsabili, saranno utili le telecamere di sicurezza del centro storico. Gli aggressori hanno poi rivolto alcune minacce all'indirizzo dei due giocatore e della squadra, che sosta all'ultimo posto in classifica in Serie B.

Il derby campano è della Salernitana: Avellino battuto 2-0 all'Arechi
A centrocampo Minala in regia con Zito e Kiyine mezze ali mentre davanti tridente composto da Di Roberto , Bocalon e Sprocati . Al 13' (Astori aveva il 13 come numero di maglia) le due tifoserie hanno dedicato un lungo applauso al calciatore scomparso.

Dura la reazione della società e del presidente Francesco Bellini che, dal Canada, ha espresso amarezza: "Un episodio che con lo sport non ha nulla a che fare". Un clima alimentato ed esasperato dai numerosi commenti sui social network che si susseguono da mesi e che hanno contribuito a fomentare questo stato di violenza.

Share