Bologna: contro l'Atalanta l'obbligo è quello di fare punti

Share

Atalanta (3-4-1-2): Berisha; Toloi, Palomino, Masiello; Castagne, Freuler, De Roon, Spinazzola; Cristante (34'st Barrow); Gomez (17'st Ilicic), Petagna (13'st Cornelius). Toccante il ricordo di Astori affidato alle note e alla voce di Lucio Dalla e della sua "Le rondini". Nella zona mediana del campo, chiavi del gioco affidate a Pulgar, protetto dalle mezz'ali Donsah e Dzemaili. La gara si gioca soprattutto in mediana, ma Donadoni dopo 27 minuti deve rinunciare a Dzemaili, che si apre lo zigomo in un contrasto aereo con De Roon e viene sostituito da Nagy. L'Atalanta vuole portare a casa tre punti fondamentali per restare in scia europea, e se anche Mirante rimane di fatto 82' senza fare parate alla fine la pressione bergamasca si concretizza con il tiro dal limite di De Roon, che premia una supremazia territoriale fattasi evidente col passare dei minuti.

La ripresa si apre senza sostituzioni per entrambi i tecnici e con l'ennesima scelleratezza in ripartenza di Donsah che abbina una buona giocata a due errori clamorosi che vanificano tutto il lavoro precedente. La prima occasione del secondo tempo capita a Verdi in contropiede ma il fantasista, ancora lontano dal top della condizione, spreca il contropiede senza riuscire a concludere in porta.

Prestazione piuttosto deludente dell'ex Ternana Felipe Avenatti.

Pd: Orfini, larga intesa per segretario e primarie a tempo debito
Considero il tentativo che vedo da più parti di obbligare il Pd a fare la scelta di appoggiare un un governo M5S una sorta di stalking ". " Non esiste in natura un accordo tra Pd e M5s".

L'ultima vittoria degli uomini oggi allenati da Donadoni in Serie A contro l'Atalanta, in casa, è della stagione 2015/16, quando la gara si concluse con il risultato di 3-0, grazie alle reti di Giaccherini, Destro e Brienza.

Se ci spostiamo sugli allenatori, le cose cambiano in maniera abbastanza netta.

Alla pioggia si uniscono i fischi per la quattordicesima sconfitta su 28 giornate, la settima sotto gli occhi del pubblico Dall'Ara che sfoga la propria frustrazione sulle spalle di Donadoni. Sarebbero serviti cinismo e capacità di finalizzare i contropiedi ma i limit tecnici e di condizione di alcuni rossoblù hanno impedito di trovare il gol che avrebbe permesso di avere un esito diverso al termine dell'incontro.

Share