Burian ferma IrpiniAmbiente: "Stop alla raccolta dei rifiuti"

Share

Con una nota la società di Irpiniambiente aveva annunciato ai cittadini che a causa delle nevicati abbondanti la raccolta dei rifiuti non sarebbe stata effettuata.

Dopo Nichelino, dove le multe sono state copiose quasi come la neve di questi giorni, anche Venaria ha deciso per la "tolleranza zero" nei riguardi della non corretta differenziazione dei rifiuti. Lo rivela uno studio del dipartimento di economiae management dell'Università di Pisa, pubblicato sul Journal ofcleaner production.

Autonomia, siglato accordo a Palazzo Chigi
Il governatore ha concluso: "Sono 70 anni che è stata approvata la Costituzione , oggi abbiamo posto una pietra miliare". Prima del 22 ottobre, invitava i cittadini di Veneto e Lombardia a votare contro i referendum sull'autonomia .

"Su questo aspetto, continua il consigliere, vorrei chiedere all'Assessore di far modificare quella ordinanza sindacale tardiva, spuntata improvvisamente, mentre l'assessore mi diceva in question time che non era necessaria: si rifà all'ordinanza del 23/11/2017 che ordina che i rifiuti " dovranno essere esposti, previa riduzione volumetrica negli appositi mastelli forniti dal Comune" e ciò esporrebbe al rischio multa tutti quelli che i mastelli non li hanno ricevuti perché finiti, quindi è necessaria una deroga temporale. La stima è che per laraccolta dell'indifferenziato ogni cittadino spende in media22,42 euro, con punte fino 83,22 euro. Analizzando i costi della raccolta di organico, carta, multi-materiale (plastica, metallo, vetro) e indifferenziata, i tre ricercatori dell'Ateneo pisano hanno evidenziato come i flussi turistici, misurati come numero di turisti in visita, numero di pernottamenti e spesa media, influenzino in modo significativo i costi della raccolta dei rifiuti. "Ilturismo porta indubbi benefici economici - si sottolinea - ma èimportante stimare gli oneri che ne derivano in un'ottica disostenibilità economica e ambientale".

Share