Calcio in lutto per Astori, l'autopsia conferma: "Morto per bradiaritmia"

Share

Il capitano della Fiorentina è morto la notte tra sabato e domenica. Le evidenze dell'esame svolto stamattina parlano anche di una "spiccata congestione poliviscerale ed edema polmonare". L'incarico è stato affidato dalla Procura al direttore del Centro di patologia vascolare dell'Università di Padova Gaetano Thiene e all'anatomopatologo Carlo Moreschi, sulla base del fascicolo aperto dal Procuratore Antonio De Nicolo per omicidio colposo a carico di ignoti. Ha assistito anche un consulente della famiglia Astori. I funerali si terranno [VIDEO] domani mattina, alle ore 10, nella basilica di Santa Croce, a cui prenderanno parte diverse delegazioni del mondo del calcio, tra cui gran parte delle squadre di cui Astori era avversario sul campo ma amico di gran parte dei giocatori fuori, a dimostrazione della grande persona che era, al di là delle grandi doti di giocatore conosciute da tutti.

In migliaia per l'ultimo saluto di Davide Astori a Firenze - Diretta video

Quest'oggi è stata eseguita l'autopsia sul cadavere dello sfortunato difensore 31enne della Fiorentina Davide Astori: una morte cardiaca senza evidenze macroscopiche, con i battiti del cuore che sono rallentati fino purtroppo a fermarsi definitivamente. "Il senso della nostra presenza è avere un interlocutore che aiutasse la famiglia a capire cosa sta succedendo, a capire cosa è successo per elaborare il lutto", ha spiegato nella mattina di martedì 6 marzo l'avvocato Virio Nuzzolese dello studio Campeis, presente al conferimento dell'incarico per conto del legale della famiglia Astori, l'avvocato Francesco Zonca di Bergamo. La salma del capitano della Viola è già partita da Udine per raggiungere Coverciano, dove nel pomeriggio sarà allestita la camera ardente. La Fiorentina e il Comune di Firenze riserveranno, all'esterno della Basilica, un'area agli operatori della comunicazione. Hanno chiesto 60 giorni di tempo per depositare il loro elaborato.

Attraversa l'autostrada e viene travolta da tre automobili: morta una donna
A perdere la vita è stata Marharit Olha, ucraina di 47 anni residente a Crescentino, paesino Vercellese ai confini con Chivasso. Inutili i soccorsi di un'automedica e di un'ambulanza del 118, che hanno potuto solo constatarne il decesso.

Share