Elezioni, la scheda antifrode: cos'è e perchè non va inserita subito nell'urna

Share

Non sarà solo la reintroduzione di un sistema elettorale in parte maggioritario e in parte proporzionale la novità delle elezioni politiche che si svolgeranno domenica 4 marzo in data unica, con i seggi aperti dalle 7 fino alle 23. E' il presidente che stacca il "tagliando antifrode" e, solo dopo aver verificato la corrispondenza del numero del codice con quello annotato al momento della consegna della scheda, la inserisce nell'urna.

Nel Comune di Cerveteri, per le elezioni regionali (scheda verde) votano 14.421 uomini e 15.022 donne, per un totale di 29.442 elettori. "Il tagliando consentirà al presidente di seggio di verificare che il codice alfanumerico della scheda votata corrisponda a quello della scheda appena consegnata all'elettore. L'elettore, insieme alla scheda, deve restituire al presidente anche la matita".

Sampdoria, Giampaolo: "La squadra conosce gli obiettivi"
Sulla gara contro l'Atalanta: " Non sarà una sfida decisiva , come non lo saranno le elezioni". Sulla condizione della Samp: "È stata una settimana particolare fra neve, pioggia e freddo".

Ogni elettore avrà una scheda rosa per la Camera e - se ha più di 25 anni - una gialla per il Senato. Si vota nella sola giornata di domenica, dalle ore 7:00 alle ore 23:00. I restanti due terzi dei seggi verranno invece assegnati con metodo proporzionale alle singole liste, senza alcun premio di maggioranza. Gli elettori della circoscrizione estero sono per la Camera 4.177.725 e per il Senato 3.791.774, ed eleggeranno 12 deputati e 6 senatori. Ovvero, se io conosco personalmente il candidato uninominale X del mio territorio, mi fido di lui e voglio portarlo in Parlamento, ma voglio dare il mio voto alla lista Y che ne sostiene un altro, non posso farlo. Le soglie di sbarramento sono: 3% per le liste singole a livello nazionale; 20% dei voti ottenuti a livello regionale, valida, alternativamente e solo al Senato, per le liste singole; 20% dei voti ottenuti a livello regionale, o elezione di due candidati nei collegi uninominali, valida, alternativamente, per le liste rappresentative di minoranze linguistiche riconosciute presentate esclusivamente nelle regioni a statuto speciale in cui sia prevista una particolare tutela di tali minoranze; 10% dei voti ottenuti a livello nazionale; valida per le coalizioni, purché comprendano almeno una lista che abbia superato una delle altre tre soglie previste. All'interno del seggio sarà affisso un apposito avviso del seguente tenore: "Non si possono introdurre all'interno delle cabine elettorali telefoni cellulari o altre apparecchiature in grado di fotografare o registrare immagini". Su ogni scheda ci saranno i nomi dei candidati nei collegi uninominali, scritti in un riquadro rettangolare, sotto al quale saranno presenti i simboli delle liste che li appoggiano.

Share