FCA, Marchionne: non è il momento per alleanze. Meno diesel in futuro

Share

Direttamente dal Salone di Ginevra, l'amministratore delegato di FCA Sergio Marchionne ha parlato anche dell'ingresso nel mercato dell'automotive da parte di realtà cinesi, chiamando in causa anche la recente esperienza con le società di calcio milanesi: "L'interesse dei cinesi è ovvio".

Tornando alla conferenza di Ginevra, Marchionne non si è sottratto a un commento sulla situazione politica dell'Italia post-elezioni: "Ho una grandissima fiducia che il paese ce la farà, Mattarella ha un grandissimo lavoro da fare".

Sulla mobilità sostenibile, la data per la prima Ferrari ibrida è il 2019. È un marchio eccezionale, su cui dobbiamo puntare. Abbiamo cercato di svilupparlo in modo globale, abbiamo la conferma che diventerà il più grande brand del gruppo. "Noi non abbiamo la forza di invertire questa tendenza".

In fiamme una palazzina, trovato carbonizzato un 82enne
Incendio nella notte in una palazzina di Albano Laziale , comune dei Castelli Romani a pochi chilometri a sud di Roma . Indagano i carabinieri della stazione di Albano Laziale e il nucleo operativo della compagnia di Castel Gandolfo.

Marchionne ha poi assicurato che ci sarà sempre meno diesel nella produzione di Fiat Chrysler Automobiles. Ad esempio, la MiTo non avrà una lunga strada davanti a sé perché il mercato delle compatte a tre porte è calato, inoltre vedremo delle Maserati su base Alfa. Abbiamo capacità produttiva per le decisioni che abbiamo preso in passato su Cassino, Mirafiori e le ex fabbriche Bertone.

L'anno prossimo presenteremo la prima Ferrari ibrida e non sarà il suv, che farà il 10% dei volumi. Quello che è successo a Renzi non lo capisco.

Share