Gabriel Cruz, il bambino scomparso in Spagna, ritrovato senza vita Video

Share

Per cercarlo, tutta la Spagna si era mobilitata e anche suo social si erano susseguiti tantissimi appelli.

Era uscito di casa il 27 febbraio e non aveva più fatto ritorno.

Ma ieri il peggiore degli epiloghi. Da allora, gli investigatori hanno cercato di confermare i loro sospetti e negli ultimi giorni, la donna è stata sotto stretta sorveglianza fino all'arresto di questa mattina.

GRECIA, Presidente del PAOK invade con la pistola
Nella circostanza il tecnico della squadra del Pireo, Oscar Garcia , era stato colpito da un oggetto contundente e l'incontro non si era disputato.

La donna è sospettata: qualche giorno fa, proprio lei aveva trovato in una radura la maglietta bianca del bambino.

A mettere gli inquirenti sulle tracce giuste per poter risolvere l'enigma è stata la compagna del padre del piccolo, che aveva da tempo una relazione con l'uomo, e che dopo alcuni giorni dalla denuncia di scomparsa di Gabriel aveva fatto trovare una magliettina appartenuta al bambino nei pressi di un terreno di campagna. Quando è stata arrestata, la donna si trovava ad una settantina di km dal luogo di sparizione di Gabriel Cruz. Mentre veniva portata via dagli agenti avrebbe urlato: "Voglio bene a Gabriel, non sono stata io".

Share