Il derby campano è della Salernitana: Avellino battuto 2-0 all'Arechi

Share

La Salernitana si aggiudica per 2-0 un derby appassionato, combattuto e sentito contro l'AVellino La stra-regionale e' stata preceduta da un minuto di silenzio in memoria del capitano della Fiorentina, Davide Astori. Al 13' (Astori aveva il 13 come numero di maglia) le due tifoserie hanno dedicato un lungo applauso al calciatore scomparso. A centrocampo Minala in regia con Zito e Kiyine mezze ali mentre davanti tridente composto da Di Roberto, Bocalon e Sprocati. L'Avellino, nei prima 45 minuti di gioco, ha faticato molto per entrare in partita. Solo Lezzerini riesce a evitare un passivo ancora più pesante ai suoi parando un rigore a Zito. All'87' è stato espulso Molina e al 93' altra espulsione, quella di Asencio, che lascia gli irpini in nove.

Marcatori: 9′ pt Kiyine, 18′ pt Sprocati.

Paralimpiadi, a Pyeongchang l'Italia in cerca di riscatto
Alle competizioni parteciperanno atleti con disabilità motorie, amputazioni, cecità e problemi neurologici. L'Italia era presente nello sci alpino con due atleti e nello sledge hockey .

Colantuono, tecnico dei granata, davanti ad un pubblico vicino alle quindicimila presenze sceglie il 4-3-3 di partenza: Radunovic viene confermato tra i pali, Casasola, Tuia, Schiavi e Pucino nel pacchetto arretrato Minala, Ricci e Kiyine in mediana, mentre davanti ci sono Di Roberto, Bocalon e Sprocati. A disp.: Adamonis, Vitale, Mantovani, Signorelli, Zito, Rosina, Della Rocca, Palombi, Odjer, Asmah, Monaco, Popescu.

Avellino (4-2-3-1): Lezzerini; Laverone, Kresic, Morero (1′ st Falasco), Ngawa; De Risio, Di Tacchio (18′ st Wilmots); Molina, Gavazzi, Bidaoui (38′ pt Asencio); Ardemagni. A disposizione: Casadei, Marchizza, Migliorini, Pecorini, Rizzato, Evangelista, Mentana. Quarto uomo: Carella di Bari.

Share