Il documentario "Hitler contro Picasso e gli altri" al Cinema Astoria

Share

In anteprima mondiale nei cinema italiani solo il 13 e 14 marzo e a seguire sugli schermi di altri 50 paesi del mondo il documentario "Hitler contro Picasso" scaverà nel Dossier Gurlitt e nei rati materiali d'archivio, nei tesori del Führer e di Goering. La struttura è quella classica del documentario, ma con la voce narrante di Toni Servillo, vincitore del premio Oscar per il film "La Grande Bellezza". Chi si rifiutava era destinato ai campi di concentramento.

Una violenza, questa, che ancora oggi getta la sua pesante ombra sugli eredi che nel documentario ricostruiscono i fasti familiari e il barbaro modo con cui sono stati dispersi moltissime collezioni artistiche. Le parole di Toni Servillo si intrecceranno con interviste e testimonianze esclusive.

Striscia la Notizia: Vittorio Sgarbi e la fake news sulle file al Caf per il reddito di cittadinanza
Come faceva Sgarbi a sapere già lunedì sera quello che i giornali avrebbero scritto due-tre giorni dopo? Intanto Striscia si chiede chi è questo personaggio e se qualcuno è in grado di identificarlo.

Hitler contro Picasso e gli altri: un volto inedito della violenzaJames Ensor - Maschere di fronte alla morte, 1888. Il Fürer aveva un forte controllo sull'arte e l'estetica della nazione e mirava a dividere il bello dal brutto, ciò che andava ammirato da quelle forme espressive che meritavano solo disprezzo. E se avesse potuto, Adolf Hitler avrebbe raccolto in una stanza Pablo Picasso, Marc Chagall, Vasilij Kandinskij, Henri Matisse, Francisco Goya e tutti gli altri esponenti di impressionismo, surrealismo, cubismo o, come ripeteva lui per screditarli "delle arti degli - ismi", e avrebbe detto loro: "Io vi dichiaro guerra". L'idea del film le è venuta da una serie di coincidenze che non ha potuto ignorare, dalla lettura del libro di Anne Sinclair "Rue La Boétie 21" (Skira), racconto della vicenda della galleria parigina di suo nonno Paul Rosenberg, alla consultazione del catalogo della mostra sull'arte degenerata organizzata dal regime nazista nel 1937 (si parla di questa mostra epocale anche nel romanzo "Il mistero dell'angelo perduto" di Paolo Jorio e Rossella Vodret), alla visita di alcune mostre dedicate al gigantesco furto d'arte perpetrato dai nazisti nei confronti di collezionisti e galleristi ebrei.

Hitler contro Picasso e gli altri: l'Arte degenerataLiberazione di Berchtesgaden e recupero della collezione Goering a opera della 101st Airbone Division. "È uno strumento di guerra offensivo e difensivo contro il nemico".

Share