Juve, si cambia ancora: contro l'Atalanta nuova formazione

Share

Ribadito che l'esperienza in Europa League ha arricchito l'Atalanta e che Gomez ha questo finale di stagione per rifarsi da qualche delusione di troppo, Gasperini svela di non essere stato cercato da Preziosi e dal Genoa e che non si tirerebbe indietro qualora finisse nel mirino del Napoli. I bianconeri sono tornati al comando dopo sei mesi, esattamente dalla settima giornata in cui si sono dovuti arrendere al pareggio contro l'Atalanta.

Dopo il sorpasso contro l'Udinese la Juve progetta la fuga mercoledì, nel recupero contro l'Atalanta.

Inizia oggi il Torneo di Viareggio: in campo anche il nerazzurro Bardini
Grande soddisfazione per Aristidi Kolaj , giocatore classe 1999 del Sassuolo cresciuto nel Varese Calcio e varesino. In caso di superamento del turno gli amaranto saranno nuovamente in campo il 21 marzo per gli Ottavi di Finale.

La sfida tra Atalanta e Juventus in programma mercoledì 14 marzo alle ore 18:00 all'Allianz Stadium di Torino sarà visibile sulla piattaforma televisiva SKY, sui canali, Sky Sport 1, Sky Super Calcio e Sky Calcio 1, e sul digitale terrestre, sul canale Premium Sport. La sfida contro la squadra nerazzurra infatti è molto importante per i risvolti che potrebbe avere in caso di vittoria da parte di Buffon e compagni: portarsi a più 4 dal Napoli infatti, in questa fase della stagione, rappresenterebbe un messaggio importante lanciato dalla Vecchia Signora alla squadra di Sarri. Al centro della difesa ballottaggio Chiellini-Barzagli accanto a Benatia, ma non è da escludere l'ipotesi Howedes. Marchisio invece, rilanciato domenica pomeriggio con una prestazione di livello, lascerà il posto al solito Pjanic, grande assente nel pareggio di Bergamo del 1 ottobre ma decisivo per la vittoria casalinga di Coppa Italia. Davanti, invece, il tridente dovrebbe essere lo stesso per la terza volta consecutiva: Douglas Costa-Dybala-Higuain.

Juventus (4-3-3): Buffon; Lichtsteiner, Benatia, Chiellini, Alex Sandro; Khedira, Pjanic, Matuidi; Douglas Costa, Higuain, Dybala All. Se si pensa poi alla maggiore intesa raggiunta con Higuain, sembra impossibile rinunciare al numero dieci. Non siamo noi che dobbiamo salvare il campionato.

Share