Lamezia, "Piantiamola!" nel giorno della festa delle donne iniziativa contro violenza

Share

In programma, 4 visite gratuite, per un numero minimo di 4 visitatori (non soltanto per le ospiti donne, ma per tutti i visitatori): 2 antimeridiane (ore 10 e ore 12), 2 postmeridiane (ore 16 e ore 18).

L'Asl5, recentemente premiata dall'Osservatorio Nazionale sulla salute della donna per l'offerta di servizi dedicati alla prevenzione, diagnosi e cura delle malattie femminili (l'Ospedale Sant'Andrea ha ricevuto due Bollini Rosa per il biennio 2018-2019) è ancora una volta al fianco delle donne in occasione della speciale ricorrenza: attraverso la Struttura Complessa Ostetricia e Ginecologia diretta dal dottor Giuseppe Nucera, ha organizzato per giovedì 8 marzo un pomeriggio dedicato a fornire informazioni e visite ginecologiche con ecografia gratuite.

Una maniefstazione delle donne e per le donne, domani 8 marzo alle ore 17:30, con raduno in Piazza del Popolo a Latina.

Durante la visita, partendo dai poemi omerici fino ad arrivare all'epoca cristiana, si osserveranno e analizzeranno i pezzi esposti all'interno del Museo per narrare le divinità femminili dell'antichità fino a rivivere lo spaccato della vita quotidiana delle donne romane nel suo sviluppo storico: passando dalle "donne sottomesse" alle "donne scandalose".

8 marzo

La Città di Torino aderisce alla "Giornata delle Nazioni unite per i diritti delle donne e per la pace internazionale" indetta per l'8 marzo. Ed è stata scelta la data dell'8 marzo, giorno della Festa della Donna, per approfondire questo tema quanto mai tristemente attuale. Tanti auguri per la festa della donna!

In particolare, gli studenti si divideranno in quattro "tavoli" di lavoro: al Piccolo Studio "La donna e la famiglia", presso la Biblioteca ragazzi "La donna, le pari opportunità e il lavoro in Italia e in Europa" e "La donna e l'istruzione", ed infine, presso la Cripta dell'Abbazia di Sant'Andrea, "La donna nei media".

Un abbraccio forte per la festa delle donne. Silvia Cadei, commerciante di Credaro, si sente ribelle "dato che - sottolinea - non mi piace che mi si mettano in piedi in testa". È ampiamente riconosciuto tra l'altro che una bambina che ha assistito a episodi di violenza sulla propria madre avrà maggiori probabilità di essere vittima di violenza da adulta, così come un bimbo avrà maggiori probabilità di diventare un adulto maltrattante.

Belen incinta di Iannone? Il gossip si scatena ma la Rodriguez tace
Un'indiscrezione che, al momento, non è stata smentita né tantomeno confermata dalla Rodriguez. Non sarà lei a condurre il reality show.

Share