Lazio, vizio burocratico: de Vrij convocato dalla procura antidoping

Share

Arturo Diaconale, responsabile della comunicazione della Lazio, ha parlato ai microfoni di RMC Sport facendo chiarezza sulla vicenda legata a Stefan De Vrij, convocato dalla Procura antidoping: "È semplicemente una questione di ordine burocratico, che non riguarda eventuali alterazioni nelle analisi delle urine di De Vrij". È un ragazzo perbene, che non corre rischi da questo punto di vista. In occasione di Lazio-Verona ha fatto due esami con due kit diversi, probabile che alla fine non abbia firmato la documentazione. Un episodio completamente diverso dalla notizia della positività di Joao Pedro, dopo l'assunzione di un diuretico, al termine del match tra Cagliari e Sassuolo. All'appuntamento sono giunti due medici sociali della Lazio, respinti tuttavia dal procuratore Pierfilippo Laviani, il quale voleva ascoltare solo e soltanto il diretto interessato.

Sarebbe un clamoroso colpo di scena, considerato anche che Inter e Juve giocano insieme anche su un altro tavolo, quello che punta a Stefan De Vrij. Tanti i nomi in lizza per il ds Tare che non si ferma neanche un attimo per poter anticipare i tempi e poter portare già prima del inizio del calciomercato estivo un centrale di ottime caratteristiche.

De Zerbi: "Fiorentina-Benevento andava rinviata, ci sono cose più importanti del calcio"
Cercheremo di onorare la partita e la gente che verrà allo stadio, anche se riuscire a scindere le cose sarà molto difficile. Ma ecco che De Zerbi torna poi a parlare del lato umano del match "Non volevamo giocare in questo momento così tragico".

JOAO Pedro, giocatore del Cagliari, sospeso dopo un controllo antidpong.

Share