Luxottica: ok da FTC a progetto di combinazione con Essilor

Share

In questo modo restano da ottenere ancora i via libera delle autorità cinesi, che dovrebbe giungere a breve, tanto che Luxottica prevede che la fusione sarà completata nel primo semestre, per poter poi veder decollare la prevista integrazione destinata a dar vita ad un nuovo colosso dell'occhialeria mondiale. "La Commissione ha concluso che la concentrazione non può incidere negativamente sulla concorrenza nello spazio economico europeo o in una parte sostanziale di esso" si legge in una nota.

La decisione di approvare la fusione Essilor-Luxottica si è basata sul test compiuto dalla Commissione europea su un campione di circa 4.000 ottici, dei cui risultati ha informato la Commissaria responsabile della Concorrenza, Margrethe Vestager.

Gattuso: "Dubbio Cutrone o Kalinic? Ho già deciso"
Riecco il Milan: Kessie e Calanhoglu sparano, Alisson risponde presente, poi il diagonale del turco si spegne fuori. Ci è mancata un po' di cattiveria, però lo diciamo spesso e sembra un alibi: "bisogna star zitti e lavorare".

Come accennato, il via libera alla fusione Luxottica-Essilor ha avuto un impatto immediato sul mercato. Il titolo, partito in aumento dell'1,5% a Piazza Affari, guadagna al momento il 4,2% a 51,4 euro per azione, dopo essere arrivata fino a un massimo intraday di 52,14 euro, e si conferma la migliore azione del Ftse Mib, al momento in calo dello 0,83%. E infine, "non sono emersi problemi di concorrenza legati all'eliminazione della concorrenza emergente, poiché è improbabile che le limitate attività di Luxottica nel settore delle lenti e le limitate attività di Essilor nel settore delle montature per occhiali assumano nel prossimo futuro un ruolo significativo a livello di concorrenza". Entrambe le società vendono i loro prodotti agli ottici che vendono occhiali e occhiali da sole finiti ai consumatori.

Share