Montella guarda indietro: "Al Milan serviva tempo"

Share

Montella è l'ultimo in ordine di tempo a candidarsi per un posto sulla panchina della Nazionale Italiana: dopo le dichiarazioni di Carlo Ancelotti, il pronto ritorno di Antonio Conte, il pensierino di Gigi Di Biagio, anche l'ex aeroplanino si candida quale commissario tecnico degli azzurri. Ma Montella non ne ha: "Siamo pagati anche per essere il capro espiatorio - commenta a 'Radio Anch'io Sport´ su RadioUno ripercorrendo i primi mesi della stagione - Credo di aver fatto il meglio possibile". Però c'erano dieci giocatori nuovi, senza esperienza in Italia. È merito del Napoli se il campionato è ancora aperto. La sento un po' una 'creatura'. Vuole migliorarsi in ogni allenamento, e credo questo lo porterà lontano, potrà essere il futuro della Nazionale.

Vincenzo Montella parla ai microfoni di Radio Anch'io lo sport e il primo argomento trattato è la Champions League dove il suo Siviglia è ora ai quarti di finale grazie alla vittoria contro il Manchester United all'Old Trafford: "E' stata un'emozione unica battere Mourinho, è un allenatore che stimo particolarmente e con me è stato molto carino. A volte si giudica basandosi sul prezzo, ma per i centravanti che arrivano in Serie A è sempre più complicato". "Ma la logica per lo scudetto dice Juve, che ha una rosa più larga e attrezzata". Il VAR? Un po' di nostalgia ce l'ho, quando sei preso dalla tensione non accetti gli altri possano sbagliare: la percentuale di errore si è abbassata, e in alcuni casi aiuta assolutamente. Ho un altro anno di contratto e c'è la voglia di continuare. Gioca con grande equilibrio e quindi penso che ci siano anche i meriti degli avversari. In Spagna c'è una cultura offensiva, qui ho lavorato un po' di più sull'organizzazione difensiva, che non è prevalentemente di reparto ma di collettivo.

Maroni, messaggio a Salvini: "Vedo impossibile un governo Lega-M5S"
Votare a ottobre? "La mia priorita' non e' tornare ad elezioni anche se non ne ho paura perche' la Lega non potra' che crescere". Intanto per incompatibilità dei programmi ma anche per le conseguenze che avrebbe per la coalizione di centrodestra .

Spazio poi al bel momento vissuto dai giovani attaccanti del Milan, tra Cutrone e André Silva: "Cutrone?"

Share