Napoli, guardia giurata bastonata a morte: arrestati 3 minorenni

Share

Quella notte hanno atteso il vigilante finire il proprio giro di perlustrazione e hanno colpito alle spalle l'uomo usando dei pezzi di un tavolo di legno.

Un vigilante è stato ucciso durante il suo turno di lavoro a Napoli.

Trasportato d'urgenza in ospedale, Della Corte ha subìto un delicato intervento chirurgico al cervello.

I ragazzini, successivamente agli accertamenti del caso, sono stati condotti nel carcere di Nisida, dove hanno confessato di aver aggredito la guardia giurata.

Sono tre minorenni i responsabili della morte della guardia giurata Francesco Della Corte, aggredito a colpi di bastone lo scorso 3 marzo mentre stava chiudendo la stazione della metropolitana di Piscinola, a Napoli, e deceduto due giorni fa in ospedale.

Brasile: sdegno per omicidio consigliera
Era una militante per i diritti umani e consigliera comunale. "Quanti altri devono morire prima che finisca questa guerra?". Il ministro per la Sicurezza pubblica, Raul Jungmann , si è impegnato personalmente nella ricerca degli assassini.

Le forze dell'ordine sono giunte a loro - tre ragazzini nessuno dei quali frequenta la scuola - attraverso la visione dei filmati delle telecamere di sicurezza.

Francesco Della Corte, 52 anni, non ce l'ha fatta.

L'uomo, ferito alla testa mentre stava effettuando gli ultimi controlli di rito prima di chiudere il cancello d'ingresso alla stazione della metro, non ha avuto alcuno scampo, né nessuna possibilità di difendersi. Il vigilante è stato trovato agonizzante dai poliziotti del commissariato di Scampia. Aveva una vistosa ferita sulla testa e il viso completamente insanguinato. Si tratta di due 16enni e un 17enne.

Sono state visionate, infatti, le immagini registrate dalle telecamere di sorveglianza e, a seguire, sono state fatte anche una serie di intercettazioni e di interrogatori di persone sospettate di aver avuto un ruolo nella vicenda. Le indagini hanno portato al ritrovamento delle gambe di legno (l'arma del delitto) e della borsa della guardia giurata, buttate in un cassonetto vicino al luogo del delitto.

Share