Napoli, Sarri: 'Juve? Domina da sette anni, è difficile. Sul rinnovo...'

Share

"Mi sento in grande debito con i tifosi e l'unico modo che ho è dare il massimo".

Maurizio Sarri si aggiudica il Premio Maestrelli, giunto alla 35esima edizione.

"Le condizioni per arrivare al rinnovo del contratto sono condizioni che arrivano da dentro - ha aggiunto Sarri - Se ti senti in grado di dare il tuo 101% devi andare avanti, altrimenti devi avere il coraggio di fare un passo indietro".

Ha risposto alla chiamata della Nazionale ma soltanto per farsi visitare dopo l'infortunio: Marek Hamsik non prenderà parte alla King's Cup che vedrà la Slovacchia impegnata in Thailandia contro gli Emirati Arabi Uniti e contro una tra Thailandia e Gabon che giocheranno l'altr semifinale. "Mi sento onorato di essere a nove giornate dalla fine ancora vicino ad una squadra che sta dominando da sette anni". "Sono arrivato a Napoli e ho trovato una squadra che si è messa a disposizione, si farà quello che si può fare, poi se basterà o meno non lo sappiamo".

SULLA SOSTA - "Le soste sono per noi allenatori, per i giocatori sono momenti di grande stress, giocano in giro per il mondo, oltre allo stress delle partite hanno stress di viaggi massacranti". Lo scontro diretto? Difficile dire oggi se sarà decisivo: partite facili non ce ne sono, neanche quelle con le squadre che cercano punti per la salvezza. A volte nei professionisti ho visto allenatori scadenti, ci sono tanti sconosciuti con delle qualità.

Rapisce bimba,minaccia gettarla in fiume
Poi, dopo aver sfondato le porte di due appartamenti, ha preso con la forza la bimba che era con sua madre. La famiglia del 27enne è stata inserita in una struttura protetta.

In conclusione due riflessione su Reina e Hamsik: "Reina è un portiere di grande livello ma questo conta fino ad un certo punto, Reina è un ragazzo straordinario dal punto di vista umano, i napoletani sanno che darà il 101% anche se è un giocatore in scadenza".

Napoli, Sarri: "Pressione? Mi faccio vedere dal dottore".

SU SEMPLICI E ALLEGRI - "Un caffè con Semplici?". Maradona è un idolo assoluto, sarebbe una bestemmia paragonarsi a lui.

SU REINA - "A Napoli sanno di chi stanno parlando. Lui mi spiegò i motivi per cui non poteva venire, mi ha dato sempre l'impressione di un ragazzo straordinario".

Share