Pd, il presidente Orfini: "Renzi si è dimesso formalmente"

Share

"Continuare a discutere di un fatto ormai avvenuto, le dimissioni del segretario, come se non vi fossero state non ha molto senso".

Un tweet pubblicato alcune ore fa, riporta uno stralcio dell'intervista che il capogruppo dei Partito Democratico alla Camera, Ettore Rosato, ha rilasciato questa mattina a "Omnibus". E' quanto emerge dalla riunione dell'area Orlando che si è appena conclusa alla Camera. Il referendum sul Pd c'e' già stato. Da questa condivisione è inevitabile partire per comprendere ed elaborare le ragioni della sconfitta - prosegue Romano - a meno che non si pensi davvero che la sconfitta di domenica si possa spiegare e risolvere con "il problema del carattere di Matteo Renzi".

"L'area Orlando, cosi' come la maggioranza del Pd, ha escluso la possibilità di un governo con i 5 stelle, cosi' come con il Centrodestra".

Discorso chiuso? No, perché alla lunga - ammettono tutti - gli equilibri possono cambiare. "Siamo al 18%. Un solo punto sopra la lega di Salvini", aggiunge. Suggestioni, per ora. Così come quella di un governo di larghissime intese per evitare il ritorno alle urne.

Isola dei famosi 2018 ecco il vincitore secondo l'opinione di un naufrago
Ecco uno stralcio di quanto detto ai microfoni di Silvia Toffanin: " Sono un leone, sto benissimo e voglio tornare sull'isola ". Il veggente più famoso della televisione italiana, ha rivelato chi secondo lui vincerà il reality quest'anno.

Luigi Berlinguer, storico dirigente del Partito comunista e tra i padri nobili del Pd, vede una sola via contro l'inabissamento della sinistra riformista: "Non risolviamo la critica di ciò che è successo incentrandola su una sola persona, anche se le dimissioni di Renzi sono necessarie", "ricostruiamo il partito" e "ritroviamo il legame tra base e vertici". "Non dobbiamo tagliare fuori nessuno" ha concluso Orlando.

Orlando, che avrebbe sentito al telefono Lotti, con i suoi osserva che il messaggio è rivolto "ai renziani in fuga" (anche perché ricorda di aver chiesto a suo tempo di correre in un collegio).

Accanto al 'reggente' Martina orlandiani e franceschiniani chiedono che ci sia "una gestione collegiale e unitaria" per condurre il Pd non solo verso il congresso ma anche nei prossimi delicati passaggi istituzionali: elezioni dei capigruppo e dei presidenti della Camere e quindi la delegazione che andrà al Colle per le consultazioni. "Come non lo ha - ha aggiunto Orfini - disquisire del percorso conseguente le dimissioni che è chiaramente definito dal nostro statuto e che non consente margini interpretativi né soluzioni creative".

Share