Rifiuti: a Matino la raccolta differenziata arriva con la primavera

Share

I dati sulle differenziata della città di Frosinone, infatti, oscillano su percentuali del 18% -molto più basse delle medie nazionali- anche per via del tormento giudiziario che si è vissuto sull'appalto per i rifiuti del 2013. Ricordo lo scetticismo e la paura dei montesilvanesi del colle che dovevano approcciarsi alla nuova modalità di raccolta porta a porta.

Non solo: il centro di raccolta, per un certo periodo di tempo (non ancora ben definito), andrà a servire un territorio più ampio, vale a dire quei Comuni (oltre a Monsummano) che entro la fine del 2018 dovrebbero introdurre il sistema porta a porta.

Montegiorgio: anziana legata mani e piedi al letto e lasciata morire
L'episodio in una abitazione della frazione di Alteta dove l'anziana, che avrebbe compiuto ottanta anni ad aprile, vive da tempo. Maggiori chiarimenti infatti potrebbero arrivare dell'esame della scena del crimine e dai risultati sul cadavere della 79enne.

"Vi ringrazio per l'attenzione e vi auguro una buona giornata".

Matino - Nuovo servizio di raccolta dei rifiuti "porta a porta" dal prossimo 21 marzo a Matino. Un primato che indica un vero cambiamento in meglio nelle abitudini dei cittadini se è vero che il peso dei rifiuti riciclati sale (13.748 tonnellate nel 2017 contro le 12.544 del 2016) mentre quello complessivo dei rifiuti, indifferenziati compresi, scende a 19.236 tonnellate, di poco inferiore alle 19.330 dell'anno precedente. Stiamo facendo la terza zona, Colle Cottorino. Un incontro particolarmente animato ma rimasto sempre nei binari della correttezza con l'Amministrazione che ha ribadito la necessità di un cambio di mentalità a seguito dell'avvio di un nuovo modello di raccolta che rappresenta ormai un obbligo e che comunque porterà ad un miglioramento dal punto di vista ambientale ma anche, a medio-lungo termine, economico, con l'auspicata riduzione della Tari, il tributo che copre al 100 per cento il costo del servizio e che grava interamente sui cittadini. "Sul risultato ha influito in parte anche la modifica normativa che, nella sostanza, ha inserito i rifiuti ingombranti, gli inerti e i residui della pulizia stradale come frazioni differenziate". A tal proposito, oltre a condurre un'importante azione di contrasto, grazie all'ausilio delle foto trappole, che nel 2017 ci hanno permesso individuare e sanzionare circa 220 persone, sorprese ad abbandonare i rifiuti sul ciglio della strada, per un ammontare complessivo di quasi 27.500 euro, è in corso proprio in questi giorni, una campagna di informazione e sensibilizzazione volta ad incentivare il rispetto dell'ambiente.

Share