Roma, Di Francesco:"Testa al Bologna, Pellegrini e Under out"

Share

L'allenatore della Roma incontra i cronisti nella sala Champions di Trigoria alla vigilia del match con il Bologna per il tradizionale appuntamento prepartita. Il turco infatti, come il centrocampista, non è stato neppure convocato.

Devo dire che sono rientrati quasi tutti in ottime condizioni. Ünder invece ha qualche problemino muscolare e lo stiamo valutando anche per questa gara. Ci auguriamo che non sia niente di che.

Se cercate sul dizionario la parola derby, troverete tale definizione: "Nel calcio, incontro tra due squadre della stessa città o regione, o anche tradizionalmente rivali". Con il senno di poi, lei si dà una spiegazione? "Ma lo vedremo se domani dovesse scendere in campo.". "Stasera farò le mie valutazioni", ha chiarito il tecnico in conferenza stampa. Ritengo che possa giocare nel ruolo di centravanti o Edin o Patrik. Quello più sicuro di giocare è Stephan.

Abbronzatura da supereroi nel poster di Gli Incredibili 2
Sarà anche possibile creare costruzioni LEGO anche in compagnia di amici, grazie alla modalità cooperativa da 2 giocatori . Con un primo trailer, Warner Bros . e Disney annunciano LEGO Gli Incredibili , videogame in mattoncini per PC e console.

Sì, sono tre che si giocano il posto lì davanti: Perotti, El Shaarawy e Gerson. C'è il Bologna da affrontare. Ma anche la componente mentale è importante. La nostra testa deve stare al Bologna. Che tipo di giocatore è Federico? A volte staccare, recuperare energie e magari trovare il gol può dare la carica. Si registrano solo tre incroci tra padre e figlio: il primo, un Bologna-Sassuolo terminato 1-1, risalente alla passata stagione. "Spero che possa dimostrare di essere tornato carico". In attacco ci saranno diversi cambi.

"Non posso dirvi altro". Lo farò, ma domani farò il giusto, senza esagerare. Il problema più grande si può verificare nelle altre gare. Ad oggi è difficile stabilire chi giocherà le prossime gare perché gli imprevisti possono accadere in qualsiasi momento. "Non è divisa, sarà tutta per mio figlio.", ha sorriso. Il più piccolo, Luca, sarà sicuramente più tifoso mio, altrimenti poi a scuola lo massacrano. Che in effetti la portano molto meno di un tempo, ma che sempre quell'attitudine hanno: ragion per cui un pressing asfissiante potrebbe togliere qualche certezza.

Sì, ma io ho altre qualità. O avevo, ora non ce l'ho più (ride, ndr). Ora non sta facendo benissimo, sicuramente deve ritrovarsi.

Share